Campionato: sfida al vertice
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Campionato: sfida al vertice

Sfida al vertice tra le contendenti più accreditate per la vittori in campionato. Allo Stadio Olimpico di Roma si affrontano due squadre con..

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Mercoledì, 20 settembre 2006. Sfida al vertice tra le contendenti più accreditate per la vittoria in campionato . Questa sera allo Stadio Olimpico di Roma si affrontano due squadre con stati d'animo opposti: l'Inter già in depressione ed una Roma euforica, reduce da due vittorie in campionato ed una nella fase a gironi di Champions.
La squadra di Spalletti si presenta con la formazione che ha battuto il Siena, senza stravolgimenti. Pizarro e De Rossi pronti a scambiarsi di ruolo tra mezzala ed incontrista e Totti unica punta. Molto dipenderà da Amantino Mancini, vero valore aggiunto in questo momento della compagine capitolina. Roberto Mancini presenta la sua squadra presunta stellare calando tutti gli assi della recente campagna acquisti. Secondo le ultime notizie addirittura tre giocatori italiani in campo: Toldo, Materazzi, Grosso. Singolare scambio di centrocampisti rispetto alla passata stagione. Dacourt, al posto dell'infortunato Cambiasso, nel centrocampo nerazzurro. Pizarro in quello di Spalletti.
Vogliamo fare una riflessione su chi ci ha guadagnato ? A occhio e croce... Senza considerare che la terza concorrente alla vittoria del tricolore, il Milan , si giova di Pirlo e Seedorf passati alla corte di Berlusconi in un gioco di plusvalenze che coinvolgeva Helveg e Guglielminpietro. Anche in questo caso, velo pietoso. Si può dire con discreta certezza che Moggi e Giraudo compissero le loro azioni truffaldine per avvantaggiarsi nei confronti del Milan, piuttosto che di un' Inter che riesce benissimo a farsi del male da sé.

Grande occasione per il Milan, che potrebbe approfittare di un pareggio all'Olimpico. In caso di vittoria contro l'Ascoli e di X a Roma la squadra di Carlo Ancelotti potrebbe trovarsi a 4 punti dall'Inter ed a 6 dalla Roma. Senza considerare il forte sconto sui punti di penalizzazione che tutti aspettano dall'Arbitrato. Il Milan è in corsa più che mai, nonostante l'addio di Sheva, contestato in Inghilterra, ed una difesa da registrare. L'abitudine alla vittoria, però, potrebbe essere più importante delle carenze tecniche.

Secondo derby del campionato. Dopo la vittoria del Livorno contro la Fiorentina in Toscana, si passa in terra siciliana con il match tra Palermo e Catania alla Favorita. Derby quasi inedito nella massima serie: è la terza volta, e la prima dal 1963. Grande entusiasmo in Sicilia, a Palermo in particolare. 6 punti in 2 partite e la vittoria storica all' Upton Park di Londra contro il Wast Ham, sono la spia di un momento molto favorevole per i rosanero di Guidolin. Il Catania è l'unica formazione di Serie A a non aver subito reti, ma il Palermo è straripante in fase offensiva. I 3 gol contro la Reggina, e l'incredibile mole di occasioni sciupate dalla Lazio in occasione dell'incontro dell'Olimpico incutono qualche timore sulla tenuta nel lungo periodo dei palermitani.
Derby per estensione quello dello Stretto, tra Reggina e Messina. Due formazioni partite di slancio. La Reggina si è dimostrata squadra coriacea e di carattere, il Messina, ottimamente messo in campo da Giordano, ha vinto la prima e pareggiato la seconda, contro un Ascoli che è riuscito a rimontare lo svantaggio iniziale solo alla fine della partita.

La Lazio di Delio Rossi fa visita al Chievo. Pessimo l'avvio dei biancoazzurri, gravati dalla penalizzazione anche a livello psicologico. Un'incredibile mole di occasioni da rete gettate al vento ed una difesa traballante hanno condotto a due sconfitte. Se quella di Milano era in preventivo, quella contro il Palermo poteva certamente essere evitata con maggiore attenzione e la dovuta grinta sotto porta. Il Chievo è senza dubbio in grosse difficoltà, reduce da 2 sconfitte tra coppa e campionato ed un fortunoso pareggio contro l' Empoli in casa dei toscani. Due squadre che potrebbero puntare a non farsi troppo male.

La Fiorentina attende la visita del Parma, in quello che qualche anno fa era un match clou tra 2 delle 7 sorelle. Mesto incontro, ora, tra due formazioni che rischiano di retrocedere, la prima per i punti di penalità, la seconda per la pochezza tecnica della squadra. Va in panchina Liverani, tanto rimpianto a Roma, oggetto misterioso a Firenze, per far posto al giovane Montolivo, autore di due gol in altrettante partite con la maglia della Nazionale Under 21.

Partita dai buoni contenuti, almeno sulla carta, quella tra Sampdoria ed Udinese . La squadra genovese ha strappato, anche con buona fortuna, un inaspettato pareggio al Meazza nel turno precedente. Vedremo se saprà ripetersi in un'occasione in cui non occorre solo difendersi, ma anche proporre gioco.

Il Livorno fa visita ad un Cagliari con due sconfitte sul groppone, mentre l'Atalanta ospita l' Empoli forte di quattro punti ed un ottimo gioco, segno evidente dell'ottimo lavoro dell'emergente Colantuono, infine il Torino, 1 solo punto e pessimo calcio, cerca i primi 3 punti contro il Siena.