Quel che resta del campionato
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Quel che resta del campionato

Gli appassionati di calcio, nazionale e non, hanno a questo punto della stagione ben pochi incontri da seguire. La lotta per lo scudetto, se..

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Gli appassionati di calcio, nazionale ed internazionale, hanno a questo punto della stagione ben pochi incontri interessanti da seguire. La lotta per lo scudetto, se di lotta si può parlare, si è chiusa con grande anticipo, mentre la corsa alla Champions ha avuto l'epilogo la settimana passata.
Rimane da seguire, in Italia, il discorso-salvezza e la finale di ritorno di Coppa Italia, che pare segnata grazie alla roboante vittoria della Roma per 6-2 contro i campioni d'Italia.

In campo internazionale, nei campionati maggiori, rimane in sospeso l'assegnazione del titolo in Germania, anche se i colpi di scena nella penultima parita hanno portato lo Stoccarda ad un passo dal titolo. Lo Schalke perde in casa il derby contro il Borussia Dortmund, e, dopo aver condotto per tutto il torneo, a 90 minuti dalla fine si trova a 2 punti dallo Stoccarda. Il Meisterschale prende dunque una direzione imprevedibile, considerando che il grande favorito della competizione, ad inizio anno, era il solito Bayern Monaco, che invece non parteciperà nemmeno alla prossima edizione della Champions League.

In Inghilterra il Manchester ha meritatamente vinto l'ennesimo titolo dell'era Ferguson. I blues di Abramovich si sono dovuti arrendere di fronte ad una squadra giovane, ricca di talento e desiderosa di giocare un calcio allegro e veloce. La cupezza di Mourinho, attaccato dalla stampa e dall'interno della società, si è riverberata sul gioco del Chelsea, sparagnico e speculativo. Ai Blues rimane solo la rivincita contro il Manchester nella finale di F.A. Cup , essendo usciti sconfitti anche dalla semifinale contro il Liverpool in Champions League.

L'ultimo grande match della stagione è la finale di Atene . Due anni dopo la beffa di Instambul il Milan ha la possibilità di prendersi la rivincita. Ancelotti ostenta la medesima tranquillità di cui si fregiava prima della semifinale di ritorno contro il Manchester United, consapevole della superiorità tecnica dei suoi uomini rispetto a quelli a dispozione di Rafa Benitez. Ma, come si usa dire, nella partita secca tutto è possibile.
Tornando al'Italia, in settimana la Roma ha onorato gli internazionali di tennis annichilendo l'Inter con un punteggio più consono allo sport della racchetta. I campioni d'Italia non erano concentrati, certo, e gli stimoli si sono esauriti con la matematica vittoria del tricolore.
Ciò non toglie che la squadra di Mancini abbia fatto una pessima figura, indegna di una formazione che porta sul petto lo scudetto. Miglior figura non ha fatto il suo presidente, che ha giustificato la propria squadra sostenendo il disinteresse della compagine nerazzurra per il torneo. Caduta di stile grossolana, in primis perché nello sport non si sminuisce la vittoria dell'avversario, e poi perché queste cose non si dicono dopo una scoppola, altrimenti si fa presto a pensare alla favola della volpe e l'uva.

In campionato rimane da seguire dunque la lotta per non retrocedere. Questa lotta si è accesa grazie al Parma , capace di conquistare 10 punti in 4 partite. Domenica passata, però, la formazione di Ranieri ha perso una grande occasione contro il Chievo, perdendo per una rete di Pellissier a 4 minuti dall'inizio della gara. I giovani ducali non hanno avuto il carattere e la personalità per rimontare, ma le speranze di salvezza rimangono.

Ad essere invischiati in maniera sorprendente sono 2 formazioni toscane:il Siena , autore di un buon girone di andata, ed il Livorno , il cui girone d'andata era stato addirittura sorprendente. Del Catania si sa, la squadra di Marino ha perso convinzione, forza, e voglia di giocare dai tragici fatti che hanno portato alla morte dell'ispettore Raciti.
Dai sogni di Champions i siciliani sono passati alla paura della retrocessione, con soli 3 punti di vantaggio sul Siena terz'ultimo.

La volata per la salvezza
Cagliari 37 FIORENTINA Roma ASCOLI
Catania 37 Milan SAMP Chievo
Livorno 36 Samp TORINO Atalanta
Torino 36 ROMA Livorno INTER
Reggina 35 Chievo EMPOLI Milan
Chievo 35 REGGINA Ascoli CATANIA
Parma 35 Messina LAZIO Empoli
Siena 34 Empoli PALERMO Lazio
Sulla carta il Parma sembra avere ottime chance, per la semplice ragione che affronterà formazioni che non hanno nulla da domandare a questo campionato. Il Cagliari, seppure di trovi nella stessa situazione, ha il problema che le squadre che andrà ad affrontare, Ascoli escluso, sono superiori in maniera imbarazzante. Il Chievo sembra in difficoltà, ma ha la fortuna di non dover dipendere dagli altri.