Avviata a Formia la nuova campagna nazionale di informazione
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Avviata a Formia la nuova campagna nazionale di informazione

Campagna nazionale di informazionee prevenzione grazie al fitness, si parte da Formia

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Avviata a Formia la nuova campagna nazionale di informazione

Avviare programmi congiunti di sensibilizzazione del cittadino sui benefici derivanti dalla corretta alimentazione e dalla pratica costante dell'attività motoria: è questo l'intento del protocollo d'intesa siglato da Fimmg, il sindacato dei medici di famiglia, e la Fiaef, Federazione italiana aerobica e fitness, illustrato a Formia (Lt) lo scorso 15 Ottobre 2005, località dalla quale ha preso il via la campagna nazionale di informazione e prevenzione denominata "Fitness = Muoversi in Salute".

Secondo i recenti dettati del Ministero della Salute e sulle indicazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, al fine di controllare il forte aumento delle patologie cardiovascolari, è, infatti, indispensabile sensibilizzare fortemente il cittadino ad assumere uno stile di vita più sano. La nuova "patologia", purtroppo drammaticamente in crescita nei Paesi maggiormente industrializzati, è sicuramente il sovrappeso con un più grave rischio cardiovascolare, in particolare nella popolazione più giovane.
Tale scenario vede il medico di famiglia come attore principale, con un forte ruolo educazionale, per sensibilizzare l'opinione pubblica al miglioramento dello stile di vita.

La campagna "Fitness = Muoversi in Salute" è inserita fra le iniziative afferenti al "Move for Health" dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ed è accreditata delle Nazioni Unite nell'ambito dell'Anno Internazionale dello Sport e dell'Educazione fisica "Iyspe 2005". L'iniziativa nasce dalla considerazione che la corretta pratica del fitness aiuta a prevenire o contrastare lo sviluppo delle più diffuse patologie cardiovascolari, osteo-articolari, metaboliche etc., ma è indispensabile far capire alla popolazione che la pratica del fitness deve essere condotta da insegnanti qualificati e comunque accompagnata da una sana ed equilibrata alimentazione e da una condotta di vita priva di agenti patogeni quali il fumo, l'uso eccessivo di alcol, di farmaci, di integratori o sostanze dopanti.
Per la realizzazione della campagna la Fiaef e Fimmg hanno predisposto vari strumenti:

  • Un questionario rivolto al personale medico che sarà distribuito dalla Fimmg, che servirà a indagare più da vicino le problematiche del cittadino in termini di salute e benessere e il grado di consapevolezza dei rischi derivanti da uno stile di vita eccessivamente sedentario
  • Uno studio osservazionale denominato Fast-Meg (Fitness Attività Salute Totale – Medicina Generale), che costituirà un campione rappresentativo della popolazione tra i 15 e i 79 anni, sul quale compiere un'attenta valutazione dei fattori di rischio legati a inappropriati stili di vita e a realizzare dei follow-up periodici dei soggetti considerati, al termine dei quali sarà predisposta un'accurata analisi dei risultati finali
  • Un Fit-test di autovalutazione per l'assistito, che gli permetta di stimare agevolmente i tre fattori fondamentali per la propria salute (il livello di benessere del momento, la professionalità, l'adeguatezza degli insegnanti di fitness e la qualità/efficienza del centro fitness)

Saranno inoltre in fase di progettazione un call center e un sito internet dedicato per offrire un adeguato servizio di assistenza all'utenza. È prevista la realizzazione di una campagna di informazione su tutti i media e la realizzazione di grandi eventi aggregativi per informare ed educare adeguatamente la popolazione.

Il Segretario Generale della FIMMG Dr. Mario Falconi ed il Presidente della FIAeF Dr. Paolo A. Adami, rappresentanti delle due organizzazioni promotrici dell'iniziativa, sono certi che "Fitness = Muoversi in Salute" avrà sicuramente conseguenze positive per la collettività in termini di prevenzione e tutela del diritto alla salute, e sicuramente determinerà una ricaduta positiva per la riduzione della spesa pubblica e privata in sanità.