Il Wushu, arte marziale Cinese
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Il Wushu, arte marziale Cinese

Alla scoperta del Wushu, l'arte di svolgere con abilità l'esercizio, benefici, storia e caratteristiche tecniche del Wushu

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Il Wushu, arte marziale Cinese

Cosa vuol dire esattamente Wushu?
In cinese questo termine e' composto da due ideogrammi:
Wu = guerra
Shu = arte

Ecco perchè WuShu vuol dire Arte della Guerra e quindi Arte Marziale. Nello specifico per noi il Wushu é l'Arte Marziale Cinese, disciplina e sport per l'autodifesa ed il benessere psico-fisico, le cui origini risalgono a migliaia di anni or sono e soprattutto preziosa eredita' della cultura Cinese.
Per gli occidentali o comunque per chi negli anni '70 si avvicinava al mondo delle Arti Marziali attraverso il cinema ed i film d'azione, interpretati dall'indimenticabile Bruce Lee prima e dai suoi emulatori poi, si èsempre identificata l'arte marziale cinese con la parola Kung Fu senza sapere che questo termine, solo se abbinato agli ideogrammi WU e SHU, esprime un significato marziale.

Il termine Kung Fu infatti viene tradotto dal cinese come: "ESERCIZIO SVOLTO CON ABILITA' E IMPEGNO"; e quindi partendo da questo presupposto chi si applica nel fare bene qualcosa fa del Kung Fu.
Di conseguenza chi pratica Arti Marziali con abilità e impegno fa WUSHU KUNG FU. Quest'ultimo termine è rimasto in uso proprio in seguito dei film di Bruce Lee e quindi del genere marziale tanto che molte persone ancora oggi, soprattutto se non sono praticanti o appassionati, conoscono l'Arte Marziale cinese col suo improprio nome e rimangono sorpresi nel sapere che esiste una disciplina che si chiama Wushu. Per molti è solo una "nuova" disciplina che si aggiunge al vasto panorama delle sconosciute ed innumerevoli Arti Marziali orientali.

Per quanto riguarda invece i praticanti, molti continuano a distinguere i due termini perché ritengono che ci sia una netta differenza tra l'uno e l'altro ma di fatto l'Arte Marziale Cinese viene univocamente chiamata WUSHU sia che preveda lo studio di stili tradizionali o classici sia che si dedichi allo studio di forme considerate moderne o codificate, in quanto elaborate a partire dagli anni ‘50.
A livello internazionale infatti esiste la Iwuf – International Wushu Federation – il cui obbiettivo è diffondere e promuovere il Wushu a livello Mondiale e non ultimo, di recente, quello di farlo includere nei Giochi Olimpici del 2008, decisione però sulla quale il CIO non ha ancora dato esito positivo.
Considerato quindi che questo è anche il termine che ancor oggi si usa in Cina perché non usarlo anche noi? Il Wushu contrariamente a quanto si possa pensare non è una disciplina sportiva pericolosa o violenta, così come non lo è nessun' altra Arte Marziale. Le discipline marziali permettono, come tutte le altre discipline o sport, un sano sviluppo psico-fisico degli individui. Inoltre chi pratica le Arti Marziali con i giusti propositi e si sforza di guardare oltre le tecniche di difesa-offesa, sa che non studia il modo per sopprimere gli altri bensì si sottopone ad un percorso formativo attraverso il quale raggiungere un maggiore equilibrio personale confrontandosi con se stessi (pregi e difetti, debolezze, paure, incertezze etc. etc.) e conseguentemente migliorare il rapporto con gli altri.

Ci sarebbe ancora molto da dire ma già questo può aiutarci a proseguire la ricerca e la conoscenza del
Wushu se siamo interessati ad approfondire l'argomento.

Per finire un'altra definizione di Wushu tratta da una lettera di Xu Cai, Vice Presidente della Federazione Nazionale dello Sport Cinese e consigliere della Lega ginnasti del Wushu della Cina, rilasciata a Pechino nel
1992.
"[...] Il Wushu ha una lunga storia e una relazione stretta con le tattiche militari. Nel periodo delle armi bianche ogni guerriero era abile nell'arte marziale; con il passare del tempo il Wushu si separò dalle tattiche militari diventando un'attività per il rafforzamento fisico e per l'autodifesa tanto da essere riconosciuto e ammesso in campo sportivo. Il Wushu visto come sport è una "ginnastica" che comprende la cultura tradizionale come teoria basilare e un contenuto tecnico pratico di movimenti sia a mani nude che con armi bianche il tutto combinato in taolu (sequenze) che aiutano il praticante a integrare la forma del movimento con lo spirito. Il Wushu possiede ricchi contenuti e non ha nulla da invidiare agli sport più moderni. Nutrito dalla cultura tradizionale che ha una storia di 5000 anni, quest'arte marziale, nel corso della sua formazione e sviluppo ha assorbito il nutrimento della filosofia classica, dell'estetica, dell'etica, della disciplina militare, della dottrina per la conservazione della buona salute e della medicina tradizionale cinese. [...]"