L'educazione fisica in Europa
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

L'educazione fisica in Europa

L'affermarsi dell'educazione fisica nel resto d'europa, gli adeguamenti delle varie Nazioni.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

La storia contemporanea vede l'affermarsi dell'educazione fisica. Nascono in tutta Europa scuole e strutture. Gli scopi dell'allora educazione fisica sono 3:

  • Carattere militare
  • Carattere sportivo (pedagogico)
  • Carattere igienico (medico)

Questi principi non appartengono ad una concezione Italiana ma sono il frutto di tre capiscuola:

  • Germanica
  • Inglese
  • Svedese

Le altre nazioni adotteranno questi principi adattandoli alle loro realtà. Il più seguito fu quello tedesco ed una figura molto importante a tal proposito fu Federic Sudovic John. In Italia si affermerà con sempre maggior vigore l'indirizzo militare, anche perché occorreva un buon esercito per ottenere l'unificazione. In Francia, grazie a Rousseau, si evolverà una ginnastica legata alla natura. Per avere un carattere prettamente sportivo, in Italia, bisognerà attendere la fine del secolo.

Bisogna comunque ricordare, ad onor del vero, che non ci sarebbe stata storia se non fosse partita la scintilla, nella Germania del 700, da parte dei Filantropini, finanziatori delle scuole per lo sviluppo dell'uomo, al fine di ottenere cittadini sani. Nasce qui il pentatlon e molti altri giochi John si rifà a questa esperienza creando una scuola collettiva. Il suo ideale patriottico (John è Prussiano) lo porta a grandi sofferenze quando i Tedeschi vengono sconfitti da Napoleone, che intende unificare l'Europa.
I Tedeschi sono divisi, non si sentono come appartenenti a nessuna razza ne ad alcun Paese. John scuote il loro spirito nazionalistico risvegliando il loro il senso d'unione e, nel 1811 fonda a Berlino una turn plaz (palestra all'aperto), nella brughiera delle lepri. Qui invita i giovani berlinesi, di qualsiasi classe ed età, a costruire il loro corpo e il loro spirito, preparandosi ad intervenire in una guerra che possa rendere vittoriosa la Germania. All'inizio del 1800, in Svezia, sorge una nuova scuola, del Ling, avvicinatosi allo sport dopo una paresi curata riabilitando il braccio grazie alla scherma.

In Svezia Peer H. Ling (1766-1838) dette vita ad un vasto movimento affermando che la ginnastica doveva essere praticata per la cura e la prevenzione di alcune malattie. Nel 1814 creò l'Istituto Ginnastico di Stoccolma, diffondendo il suo "sistema svedese" oggi conosciuto e praticato in tutto il mondo. Ling non perse mai di vista cosa accade nel corpo durante il movimento e le conseguenze che questo provocava. "Si evitino quindi nei ragazzi forme patologiche dovute a scarso movimento o ad un confuso sforzo di muscoli".

La scuola Svedese ha un'impronta medica e preventiva. Ling diventa istruttore di scherma e, nel 1813, viene chiamato a dirigere una scuola di Copenaghen nella quale si istruiscono gli istruttori delle caserme militari. Dal 1860 verranno accettati ragazzi che insegneranno nelle scuole. Gli sport ricevettero comunque un'impronta militare, visto il periodo storico nel quale ci si trovava (combattimento con la Russia per l'indipendenza).