Lo sport a Sparta e Atene
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Lo sport a Sparta e Atene

La concezione sportiva a Sparta e Atene, le donne Spartane e Ateniesi e la pratica atletica, le gare locali ad Atene.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Sparta era una città Stato dominata da una aristocrazia guerriera, vi si conduceva uno stile di vita molto duro e severo che spingeva ad una selezione degli individui sin dalla nascita. Una delle prove iniziatorie con le quali dimostrare di essere divenuto un vero soldato consisteva nell'andarsene per un mese dalla città, tornando con un uomo morto, ucciso dal soldato.
I ragazzi dovevano mostrare ogni anno di essere forti e coraggiosi disputando delle prove molto dure e severe davanti agli occhi di genitori ed insegnanti. Gli spartani erano anche degli abili conoscitori della musica. Atene era completamente diversa da Sparta. Con notevoli miglioramenti inerenti la democrazia, che lasciava più spazio ai cittadini. L'educazione non era imposta dallo Stato, ma consigliata ed ogni famiglia dava il proprio meglio per perseguire tale scopo. Sparta ed Atene erano spesso in conflitto fra di loro anche se, con altrettanta facilità, si coalizzavano se minacciate da altri paesi.

Le donne Spartane

Le donne spartane, al pari degli uomini, eseguivano le pratiche atletiche e le esercitazioni militari per essere in grado di difendere le città quando gli uomini erano lontani, per esempio per un conflitto bellico. Spesso gli stessi allenamenti erano promiscui e, non di rado, le donne Spartane erano vincitrici di competizioni olimpiche. A loro si deve la pratica della nudità, tanto criticata dalle altre popolazioni del tempo, ritenuta da loro utile per essere più agili nel compiere le azioni ginnastiche. Sempre a Sparta, i bambini erano affidati a dei maestri che ne curavano l'educazione e, poiché ciò implicava una spesa, lo stato interveniva con delle forme di assistenzialismo nei confronti delle famiglie meno abbienti. Gli insegnanti erano tre: il gramatista che si occupava delle conoscenze linguistiche e scientifiche, il citarista insegnava l'uso e la conoscenza della musica, ed il pedotriba preposto all'allenamento e alla cura dell'aspetto fisico (non inteso come estetico).

Gare locali ad Atene

Ad Atene si svolgevano le Paratenee, gare che servivano come selezione ai giochi olimpici e, naturalmente, erano aperte solo agli Ateniesi. L'onore per la vittoria di queste competizioni era minore, rispetto a quello ricevuto per la vittoria delle olimpiadi ma, il premio, aveva un valore non solo simbolico, proprio per stimolare le genti a partecipare. Spesso era costituito da due anfore dipinte con soggetti sportivi e piene d'olio. Nelle competizioni meno importanti i premi potevano essere ancora più rilevanti, sempre al fine di stimolare la competizione.

Le donne Ateniesi

Le donne Ateniesi, per contro, vivevano quasi in caste, isolate dalla vita sociale delle città. Uscivano raramente e sempre accompagnate. Non incontravano quasi mai gli uomini e non sceglievano il marito. Vi erano tuttavia delle categorie di donne che, per il lavoro che svolgevano, avevano una più ampia libertà e, spesso, anche una maggiore influenza nella vita della città. Era questo il caso delle prostitute, delle musiciste e delle danzatrici.