Opera Nazionale Dopolavoro
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Opera Nazionale Dopolavoro

Lo sport in periodo fascista, la nascita dell'Opera Nazionale Dopolavoro. Le donne e lo sport nel periodo fascista.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Opera Nazionale Dopolavoro

Venne istituita nel 1925 col compito di occuparsi del tempo libero dei lavoratori, ebbe notevole successo anche grazie alla capillare presenza sul territorio. Gli iscritti ricevono numerosi vantaggi, tra i quali anche il poter viaggiare su treni popolari a tariffe più convenienti, la possibilità di effettuare degli acquisti rateali, riduzioni per cinema e teatri, possibilità di avvicinarsi allo sport anche in età adulta e anche a sport come lo sci prima ritenuti d'èlite. Gli iscritti potevano cimentarsi in svariate attività artistiche e corsi di aggiornamento. Il successo dell'OND diede nuova luce al fascismo, anche per la possibilità di praticare il ballo, seppur non visto di buon occhio né dalla chiesa né da Mussolini. C'era da pagare una tassa sul celibato. Le donne nubili erano esenti, perché considerate brutte. Tutto ciò per spingere al matrimonio e quindi alla procreazione.

Sport femminile nel fascismo

Non si può dire che all'avvento del fascismo (1922), lo sport femminile fosse inesistente, le donne italiane avevano partecipato alle Olimpiadi della grazia a Montecarlo. E, in Francia, una donna intraprendente aveva fondato una federazione atletica internazionale. Le operaie, nel tempo libero, avevano fondato dei circoli. Nel 23 venne fondata in Italia la FIAF (Federazione Italiana Atletica Femminile). Nel 1928 viene stabilita, con la carta dello sport, una regolamentazione sullo sport italiano e, il settore femminile, passa sotto il controllo del CONI che è ormai fascistizzato. Nell'ambito del CONI lo sport femminile continua ad essere praticato sino al 1930.
La donna sportiva piace. Dal '30 in poi si dovettero fare i conti con la Chiesa che considerava lo sport d'ostacolo al matrimonio ed alla maternità, conseguentemente non si parlò più di sport vero e proprio ma di attività moderatamente sportiva. Lo sport era considerato come dannoso per la salute della donna. La GIL rivoluzionerà le cose, ritenendo che il popolo doveva essere forte non solo grazie agli uomini, ma anche grazie alle donne. Nelle Olimpiadi del '36 si ottennero notevoli risultati.

Il primo ente ad occuparsi dell'attività fisica in periodo fascista fu l'ENEF (Ente Nazionale Educazione Fisica), seppur limitato dalla carenza di fondi e strutture, viene quindi istituita l'Opera Nazionale Balilla, che si occupava dei bambini dai 5 ai 18 anni. A livello universitario vi era il GUF (Giovani Universitari Fascisti). Venne in seguito fondata anche la GIL. GIL e ONB sidifferenziavano soprattutto per la diversità del fine dell'educazione fisica: di tipo prettamente militare nella prima e di miglioramento fisico generale la seconda.