La corsa
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La corsa

La corsa, aspetti tecnici, discipline tipiche dell'atletica leggera, la maratona, la marcia, la corsa di resistenza.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Pur nella sua complessità, la corsa, rappresenta probabilmente la prestazione sportiva più naturale e congeniale all'uomo, essendo stato, in altri tempi, cacciatore e preda, quindi fruitore della corsa ai fini della sopravvivenza. L'aspetto sportivo è indubbiamente più complesso, dovendo mirare ad un miglioramento costante ed in relazione all'individuo.

A tal proposito appronteremo delle strategie allenanti consone e produttive. Prima di passare agli aspetti tecnici e allenanti della corsa, effettuiamo una breve distinzione fra le discipline atletiche che ne sono alla base: corse veloci: 100, 200, 400, 800, 1.500 corse di resistenza 5.000, 10.000, maratona, marcia.
Contribuiscono ad un ottimale miglioramento 2 fattori principali: la forza e la tecnica, e sono proprio queste espressioni (comunque presenti in ogni individuo), a dover essere allenate. Per entrambe applicheremo dei cicli di allenamento, con variazioni di carico, che possano portare a continui miglioramenti. Particolare attenzione faremo nei confronti della tecnica di corsa.

I due fattori che principalmente la compongono sono l'ampiezza e la frequenza del passo. Fattori fra loro strettamente correlati nella determinazione della velocità e della resistenza.
Il grafico proposto può fornirci un'immediata idea del discorso che faremo in proposito. La frequenza è riferita al numero di passi che si eseguono in un secondo e viene influenzata dalla maggiore o minore escursione angolare che i vari segmenti degli arti inferiori compiono.
A basse velocità, un suo aumento è determinato dall'aumento sia dell'ampiezza che della frequenza dei passi. Da un certo punto in poi, l'ampiezza tende a diminuire in favore della frequenza, agevolata anche dal diminuito tempo d'appoggio. Il momento dell'inversione di tendenza rappresenta la velocità di equilibrio.