Salto triplo
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Salto triplo

Cos'è il salto triplo? Quali sono le fasi che compongono il salto triplo? La corretta terminologia. Analisi di tutti i termini che aiutano a spiegare il salto triplo, dalla fase di appoggio alle differenti distanze

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Salto triplo

Il salto triplo è una delle quattro specialità di salto dell'atletica leggera, insieme a salto con l'asta, salto in alto e salto in lungo. Con quest'ultimo fa parte del gruppo dei salti in estensione, il cui obiettivo è di raggiungere la massima distanza orizzontale possibile, e rappresenta uno dei gesti sportivi più complessi da eseguire dal punto di vista fisico, tecnico e coordinativo. È composto da:

Rincorsa
deve accrescere il più possibile la velocità orizzontale dell'atleta
Tre stacchi
il cui nome è per tradizione mutuato dalla terminologia inglese:
  • Hop (letteralmente "balzo"): prevede lo stacco con un piede dall'asse di battuta. Indica la fase che precede lo step
  • Step (letteralmente "passo"): prevede un atterraggio sullo stesso arto ed un successivo stacco. Indica la fase che segue l'hop
  • Jump (letteralmente "salto"): indica lo stacco conclusivo, che avviene sull'altro arto inferiore, e che si conclude con l'atterraggio in buca
Fase di volo
l'atleta deve mantenere una corretta posizione dei segmenti corporei, per ridurre l'influenza dei momenti angolari
Chiusura
l'atterraggio. L'atleta deve lasciare un segno il più lontano possibile nella sabbia, per ottimizzare la lunghezza del salto

Terminologia del salto triplo

  • Fase di appoggio: dura per tutto il tempo in cui il piede sta a contatto con il terreno. Può essere divisa in: ATTERRAGGIO: dal primo istante in cui il piede poggia a terra fino all'ultimo istante in cui tutto il piede sta a contatto col terreno. STACCO: dal primo istante in cui il tallone del piede d'appoggio si stacca da terra fino all'ultimo istante in cui una parte del piede è ancora a contatto con il terreno.
  • Fase di volo: da quando la punta del piede di stacco si stacca da terra fino a quando il piede inizia l'appoggio a terra per la fase successiva (o fino all'atterraggio nella sabbia).
  • Distanza ufficiale: la distanza accreditata all'atleta nel salto (assumendo che questo non sia nullo), ottenuta misurando la lunghezza di una linea perpendicolare immaginaria che va dal bordo dell'asse di battuta fino al segno più vicino che l'atleta lascia nella sabbia.
  • Distanza persa allo stacco: la distanza tra la punta del piede al momento dello stacco e il bordo dell'asse di battuta.
  • Distanza attuale: la somma di distanza ufficiale e distanza persa allo stacco.
  • Altezza dello stacco: la distanza verticale tra la punta del piede di stacco fino al centro di gravità dell'atleta all'istante dello stacco.
  • Altezza dell'atterraggio:ALTEZZA ALL'ATTERRAGGIO: la distanza verticale tra il centro di gravità e la punta del piede d'appoggio all'istante dell'appoggio (durante l'hop e lo step), e dal centro di gravità all'istante d'appoggio fino al segno nella sabbia più vicino all'asse di battuta (per il jump).
  • Rapporto (o percentuale) delle fasi: la lunghezza, in percentuale, di ciascuna fase in rapporto alla lunghezza totale del salto.

Distanza attuale: composizione

La distanza attuale è composta dalla somma di tre distanze minori

  • Distanza dell'HOP: la distanza orizzontale tra la punta del piede di stacco durante la fase d'appoggio dell'hop e la punta del piede di stacco durante la fase d'appoggio dello step.
  • Distanza dello STEP: la distanza orizzontale tra la punta del piede di stacco durante la fase d'appoggio dello step e la punta del piede di stacco durante la fase d'appoggio del jump.
  • Distanza del JUMP: la distanza orizzontale tra la punta del piede di stacco durante la fase d'appoggio del jump e il segno più vicino all'asse di battuta che l'atleta lascia nella sabbia.

Distanza di ogni fase: composizione

A sua volta la distanza di ogni fase può essere ottenuta con la somma di tre distanze minori:

  • Distanza di stacco: la distanza orizzontale tra la punta del piede di stacco fino al centro di gravità dell'atleta all'istante dello stacco.
  • Distanza di volo: la distanza orizzontale che il centro di gravità compie durante la fase di volo.
  • Distanza dell'atterraggio: la distanza orizzontale tra il centro di gravità e la punta del piede d'appoggio all'istante dell'appoggio (durante l'hop e lo step), e dal centro di gravità all'istante d'appoggio fino al segno nella sabbia più vicino all'asse di battuta (per il jump).
Distanza degli stacchi
Figura 1: distanza di stacco, distanza di volo, distanza dell'atterraggio, distanza della fase, altezza allo stacco e altezza all'atterraggio (da Liu & Yu 2012).