Analisi longitudinale
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Analisi longitudinale

Seconda parte della ricerca, tabelle che riassumono i dati derivanti dai test. Mobilità, forza, equilibrio, esplosività

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Analisi longitudinale

Mezzi e metodi

La seconda parte della ricerca è stata condotta nella scuola professionale di balletto ASD Ballet Centre (Via Botticelli 3, Firenze), presso la palestra Fitness Club (Via XXIV maggio 27, Montevarchi Arezzo), con le allieve dell'ASD Centro Danza di Levane, Arezzo e nell'Istituto Magistrale Statale Giovanni da San Giovanni (Piazza Palermo 1, San Giovanni Valdarno).

Hanno preso parte alla seconda batteria di test 9 soggetti del gruppo Classico Medio Livello (CML) di età 20,67±4,92 anni (range 15-28 anni), altezza 1,65±0,05 m (range 1,57-1,72 m) e peso 57,3±4,58 kg (range 52-64 kg) e 6 soggetti del gruppo Non Classico (NC) di età 18,50±5,7 anni (range 15-30 anni), altezza 1,61±0,1 m (range 1,55-1,69 m) e peso 54,97±5,5 kg (range 49-58 kg). Non abbiamo testato nuovamente il gruppo Élite Classico in quanto rappresenta il punto di riferimento a cui gli altri due gruppi si dovrebbero ipoteticamente avvicinare e non abbiamo sottoposto a seconda prova il gruppo Popolazione Generale dal momento che, prevalentemente sedentari, non sono soggetti a condizionamento alcuno.

L'analisi comparativa è stata svolta identificando per ogni parametro rilevato la media e la deviazione standard e calcolando le variazioni percentuali che intercorrono tra la prima e la seconda prova evidenziandone il livello di significatività statistica (p value) qualora questo fosse minore di 0,05 e di 0,01.

Risultati

Composizione corporea

tabella composizione corporea
tabella composizione corporea due
tabella composizione corporea tre
tabella composizione corporea quattro
tabella composizione corporea cinque
tabella composizione corporea sei
tabella composizione corporea sette
Classico Medio Livello

Considerando il gruppo Classico Medio Livello (CML) è possibile notare come, a parità di età e altezza, il peso sia aumentato del 2,1% passando così da 57,3±4,58 Kg a 58,52±5,07 Kg. Lo stesso incremento pari al 2,1% si è verificato anche nel BMI che ha incrementato il suo valore di 0,4 passando da 21,0±2,36 a 21,49±2,55. Questi due parametri sono gli unici che, a distanza di quattro mesi, hanno evidenziato variazioni staticamente rilevanti (p 0,05).

L'aumento di peso è probabilmente dovuto all'incremento della FM che è passata da 15,1±3,87 Kg a 16,3±4,07 Kg con un rialzo dell'8,3% forse giustificato anche dai più alti valori di Rz=653,56±60,45 Ohm, rispetto alla prima prova (643,2±71,00 Ohm).

Si è riscontrata una leggera diminuzione dello 0,6% della TBW (1 test=31,1±2,14 l; test 2= 30,9±1,93 l). L'angolo di fase ha subito un calo del 3,5% scendendo da 6,5±0,59 gradi a 6,3±0,73 gradi. Un altro parametro che è diminuito è la BCM che da 27,3±3,87 Kg è passata a 23,2±2,00 Kg registrando un calo del 2,3% pari a quello che si riscontra confrontando il suo rapporto con l'altezza prima e dopo il periodo allenante (BCM/H 1= 14,4±1,16; BMC/H2= 14,0±1,22). Al calo del rapporto BCM/H si contrappone l'aumento dell'8,3% di FM/H che evidenzia ancora una volta l'aumento di peso dovuto ad adipe.

Composizione corporea otto
NC

Per quanto riguarda il gruppo Non Classico (NC) non sono emersi valori statisticamente significativi. Il peso possiamo considerarlo invariato così come il BMI che ha subito un incremento di appena lo 0,2%. La resistenza e la reattanza hanno subito un lieve incremento rispettivamente del 2,8% e del 4,0%. L'acqua corporea totale (TBW) è diminuita da 30,3±2,2 l a 29,9±1,9 l per un totale di 0,4 l in meno, gli stessi che mancano all'acqua extracellulare (ECW) che è passata da 13,4±1,0 l a 13,0±1,3 l. la BCM e rispettivamente il suo rapporto con l'altezza possono considerarsi invariate in quanto il decremento è di appena lo 0,4%.

Nella prima batteria di test la massa grassa FM rappresentava in media 13,6±2,7 kg del peso corporeo, mentre nella seconda si superano di poco i 14kg con un incremento del 4,0% pari a quello che si registra confrontando il rapporto FM/H calcolato a settembre-ottobre e quello di febbraio.

Mobilità

Tabella mobilità
Tabella mobilità due
Tabella mobilità tre
Tabella grafico
Tabella mobilità quattro
Grafico

Come si evince dalla tabella della significatività dall'analisi longitudinale della mobilità non emerge nessun risultato statisticamente rilevante anche se le differenze percentuali sono piuttosto consistenti. I dislivelli più evidenti si hanno nella flessione del busto in avanti: il gruppo NC incrementa la sua misura del 31,0% passando da 9,67±6,12 cm a 12,67±5,08 cm, mentre il gruppo CML migliora di 1,5 cm: da 13,22±7,54 cm della prima prova a 14,72±5,03 cm della seconda. L'indice ottenuto rapportando la misura dell'abduzione degli arti inferiori con l'altezza del soggetto ha registrato un incremento dell'1,1% in entrambi i gruppi mentre la misura della bacchetta mostra variazioni discordanti: il gruppo CML è peggiorato del 2,6% (60,63±12,08 cm – 62,22±15,48 cm) mentre il gruppo NC ha perso 2,5 cm che corrispondono ad un miglioramento del 3,4% (72,50±21,49 cm – 70,00±19,49 cm).

Esplosività degli arti inferiori

Tabella esplosività
Tabella esplosività due
Tabella esplosività tre

Anche per quanto riguarda l'esplosività degli arti inferiori non c'è alcuna differenza statisticamente rilevante. Gli incrementi sono minimi o nulli tanto che nel gruppo NC si evidenziano due peggioramenti seppur lievi: il primo nel CMJ senza braccia con una perdita del 5,1% e il secondo nel CMJ a sinistra senza braccia con un decremento del 3,9%. Il gruppo CML è migliorato in ognisalto con percentuali di incremento che vanno dal 15,2% (CMJ a sinistra con le braccia) all'1,6% nel CMJ a sinistra senza braccia.

Forza degli arti superiori

Tabella arti superiori
Tabella arti superiori due
Differenze cml
Differenze nc

La forza degli arti superiori risulta migliorata solo nel gruppo NC che, nella seconda batteria di test, è riuscito ad eseguire 17,40±7,57 piegamenti in 30,60±11,50 secondi, mostrando un miglioramento del 20,8% nel numero dei piegamenti (1° dato= 13,00±5,05) in un incremento del tempo del 7,7% (1° dato= 27,00±7,38 secondi). Al contrario il gruppo CML ha registrato una diminuzione del numero di piegamenti eseguiti in un intervallo di tempo inferiore rispetto a quello della prima batteria di test: 11,4±5,11 piegamenti in 26,86±5,64 secondi vs 9,86±8,25 piegamenti in 25,43±10,52 secondi.

Equilibrio

Tabella equilibri
Tabella equilibri due
Tabella equilibri tre
Differenze cml
Tabella equilibrio quattro

L'analisi longitudinale della capacità di equilibrio statico non riporta valori statisticamente significativi, tuttavia si possono riscontare, in alcuni parametri, peggioramenti consistenti; ne è un esempio l'equilibrio con gli occhi aperti a sinistra del gruppo CML che 8,21±5,14 secondi del primo test è passato a 4,44±3,00 secondi nel secondo (-45,9%).

Il gruppo CML, nella seconda batteria, ha registrato tempi inferiori rispetto a quelli cronometrati nel primo test, ciò significa che si è verificato un peggioramento in tutte e quattro le posizioni. Al contrario, nel gruppo NC si sono verificati due miglioramenti, entrambi nelle due posizioni ad occhi chiusi. Sulla gamba destra c'è stato un miglioramento dello 0,1%: da 1,43±0,55 secondi a 1,44±0,41 secondi, sulla gamba sinistra invece del 24,9%: da 1,28±0,43 secondi a 1,60±0,48 secondi.

Capacità aerobica

Capacità aerobica
Capacità aerobica due
Capacità aerobica tre
Differenze cml
Capacità aerobica
Differenze nc

Sebbene la capacità aerobica non risulti migliorata in modo statisticamente significativo in nessuno dei due raggruppamenti, si possono riscontrare dei risultati interessanti. In entrambi i gruppi si assiste ad una diminuzione della FC post 60-90". Nel gruppo CML decresce dell'8,4%: da 71,38±12,69 bpm a 65,38±12,69 bpm, nel gruppo NC del 4,6%: da 65,20±24,43 a 62,20±14,88 bpm. Di conseguenza, in entrambi i gruppi si registra un aumento dell'Indice di Recupero Immediato, dunque un miglioramento della capacità aerobica. Il gruppo CML è passato da 47,10±8,17 bpm a 50,77±6,61 bpm incrementando il proprio valore del 7,8%, mentre il gruppo NC è andato incontro ad un aumento del 3,8%: da 50,87±19,08 bpm a 52,79±12,93 bpm.