Kick boxing: le distanze
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Kick boxing: le distanze

La teoria della distanza nella kick boxing, la distanza corta, la distanza media e la distanza lunga

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Kick boxing: le distanze

Una delle conoscenze più importanti che deve avere un Kickboxer è la comprensione e l'uso adeguato della distanza. se il concetto di distanza non viene assimilato nel modo giusto ed utilizzato perfettamente, un agonista, nonostante abbia una buona preparazione fisica e delle eccellenti tecniche, non sarà completamente efficace e verrà immancabilmente sconfitto. Invece un agonista con minori capacità, sia tecniche che fisiche, ma con un uso giusto della distanza, ha buone possibilità di diventare un campione.

Teoria della distanza

La distanza deve essere la giusta separazione tra un atleta ed il suo avversario, per fare in modo che i suoi attacchi abbiano effetto e che l'altro non abbia tempo per reagire e mettere in pratica la difesa adeguata. Dalla distanza dipendono, come vedremo, le diverse tecniche, la loro efficacia e la possibilità di difesa e di risposta. In definitiva, costituisce l'ingrediente indispensabile della tattica agonistica; inoltre fornisce all'atleta un certo margine di sicurezza, dandogli la possibilità di vedere immediatamente le azioni dell'avversario, riuscendo in seguito a contrastarle in tempo. In principio la distanza migliore sarà quella media, dalla quale l'atleta, dovutamente protetto con una guardia efficace, potrà studiare la strategia, la tattica e la tecnica del suo avversario. Poi durante il combattimento, la cambierà progressivamente, sino a raggiungere quella ottimale. Ricordiamo che ogni lottatore adotta la distanza di combattimento a lui più congeniale e questo dipende dalla sua costituzione fisica, dalla sua capacità tecnica e dal sistema di allenamento che ha seguito nel periodo precedente la competizione. Costringere l'avversario ad entrare nella distanza ottimale, costituisce una delle fasi della strategia del combattimento e ad essa devono essere mirate le finte, le schivate e gli spostamenti del lottatore, provocando delle rotture di ritmo o degli errori di posizione dell'avversario che gli procureranno il vantaggio necessario ed infine la vittoria.

Le tre distanze

Nella kickboxing esistono tre tipi di distanze di combattimento: la corta, la media e la lunga, nonchè una speciale di protezione, la distanza corpo a corpo come vedremo più avanti. Il Kickboxer può sapere facilmente in quale distanza si trova: allungherà il braccio e toccherà il compagno con il pugno sulla bocca, questa è la distanza media. Ovviamente una distanza maggiore o minore di questa, rappresenta rispettivamente quella lunga e quella corta.
Logicamente, nella distanza che abbiamo chiamato media, se l'atleta tocca appena la bocca del compagno con il pugno nudo, nel momento in cui si metterà il guanto, per lo spessore di quest'ultimo, la distanza viene ad accorciarsi, permettendo all'atleta di simulare un colpo. La distanza di combattimento determinerà il modo del suo svolgimento e le tecniche da usarsi; ad esempio, in linea di massima e lasciando da parte il low-kick e lo spinning-back in fase offensiva useremo i pugni nella distanza corta o media ed i calci in quella medio-lunga. Al contrario in fase difensiva si userà tutto l'arsenale tecnico difensivo in tutte le distanze, ad eccezione del clinch che si userà nella distanza corta, avvicinandosi al corpo a corpo (distanza in fighting).