Tecniche offensive su distanza media
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Tecniche offensive su distanza media

Tecniche offensive di pugno su distanza media nella kcik boxing.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Tecniche offensive su distanza media

La distanza media è ritenuta ottimale per lo studio dell'avversario, il lottatore infatti, dovutamente protetto da una guardia efficace, studierà la strategia, la tattica e la tecnica del suo avversario, nonchè i suoi errori, il che gli permette di trovare eventuali spazi per affrontare i suoi colpi. Il sistema tecnico offensivo che verrà utilizzato nella distanza media è il seguente:

Sistema offensivo di pugno

Jab diretto al viso o al corpo dell'avversario

Viene utilizzato per mantenere la distanza di studio.

La difesa contro un jab è semplice, basta dare una manata indietro (la destra, se siamo nella posizione base di guardia). Si potrà anche mettere in mezzo il pugno avanzato, o eseguire delle schivate parziali laterali, oblique o indietro.

Diretto di sinistro penetrante

Diretto al viso o al corpo dell'avversario.

La difesa contro un colpo di questo tipo è quella descritta nel caso del jab.

Cross

O diretto di destro, diretto al viso o al corpo dell'avversario, è un colpo che ha una grande potenza d'impatto, grazie al giro eseguito con il bacino nel colpire con il pugno arretrato.

La difesa contro il cross può essere una schivata parziale con rotazione, laterale, obliqua o dietro, o un bloccaggio spostando il braccio sisnistro verso l'esterno.

Il crochet

O aggancio orizzontale con due varianti:

  • Il crochet lungo di sinistro, diretto al viso o al corpo dell'avversario, che di solito viene applicato dopo un colpo di destro o dopo una schivata parziale con rotazione nello stesso lato.
  • Il crochet lungo di destro, diretto al viso o al corpo dell'avversario, che di solito si utilizza dopo un colpo di sinistro o dopo una schivataverso destra ed è un colpo che ha una forza devastante grazie alla rotazione eseguita con il bacino e con le spalle.

La difesa contro un crochet lungo: nel caso l'attacco sia diretto al viso si utilizzerà una schivata parziale arretrando, o alzando il guanto del lato dal quale arriva il colpo, per assorbirlo, anche se si potrà anche bloccare il colpo con l'avambraccio, semplicemente alzando il pugno; quando invece l'attacco è diretto al corpo si bloccherà con l'avambraccio.

Swing lungo

O gancio lungo discendente, chiamato anche lancio. È un colpo diretto al viso dell'avversario che di solito viene eseguito con la destra, anche se delle volte si esegue con la sinistra. Il colpo risulta meno potente se non eseguito con la mano arretrata.

La difesa contro uno swing lungo potrebbe essere la seguente: dalla posizione di guardia, si esegue una schivata parziale arretrando o ci si protegge interponendo il pugno del lato dal quale arriva il colpo.

Hook

O gancio ascendente obliquo eseguito in lungo, sia con il pugno destro che con il sinistro, si può portare al viso o al corpo dell'avversario ed è semplice da eseguire dalla posizione di guardia o di protezione o in combinazione con altri colpi.

La difesa contro un hook diretto al viso ed eseguito con uno qualsiasi dei pugni, consiste nel proteggersi semplicemente con la guardia o nell'eseguire una schivata parziale arretrando; se invece è diretto al corpo, bisognerà mettere in mezzo il guanto o l'avambraccio con lo scopo di assorbire il colpo, anche se si potrà bloccarlo con facilità.

Spinning back

O colpo di pugno in rotazione, si esegue sempre mediante un leggero spostamento, utilizzato per ruotare la gamba avanzata, arretrando leggermente nel contempo la gamba arretrata e colpendo poi con il pugno arretrato. È un colpo che di solito va diretto al viso e al cranio dell'avversario e la sua potenza, generata dal movimento rotatorio, è straordinaria. Di solito viene eseguito dalla posizione di guardia o dopo un colpo di sinistro che facilita notevolmente la rotazione del corpo. Nella distanza corta si esegue con il braccio leggermente piegato, con lo scopo di colpire con il guanto di protezione ed evitare una possibile gomitata.

La difesa dello spinning back consiste nell'assorbire il colpo interponendo l'avambraccio o il guanto del pugno destro, o nell'utilizzare una schivata completa.