Periodizzazione dell'allenamento
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Periodizzazione dell'allenamento

Per raggiungere un obiettivo è necessario suddividere l'allenamento in periodi (periodizzazione dell'allenamento). Il piano di allenamento è formato da: macrociclo, mesociclo, microciclo, singola seduta

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Periodizzazione dell'allenamento

La costruzione di un programma di allenamento deve essere funzionale all'obiettivo che l'atleta desidera raggiungere. L'obiettivo deve essere realistico. Inutile approntare un programma di allenamento che punti a mete irraggiungibili. Inoltre l'obiettivo deve essere chiaro: solo in questo modo vi sarà la dovuta tensione al suo raggiungimento.

Stabilito e concordato l'obiettivo, andremo ad evidenziare le varie priorità di lavoro, ma soprattutto i tempi necessari alla loro realizzazione attraverso mezzi e metodi di lavoro appropriati.

Costruire un piano di allenamento ha come scopo il raggiungimento della forma fisico-sportiva che si articola in fasi successive distinte in:

  • raggiungimento della forma
  • conservazione della forma
  • perdita temporanea della forma

Queste tre fasi avvengono tramite una organizzazione particolare dell'allenamento, basata sulla distribuzione dei mezzi allenanti, e sulla prevalenza della quantità o dell'intensità di lavoro.

A tale scopo l'allenamento viene suddiviso in periodi. Nella stesura del piano è opportuno e necessario partire dalla macrostruttura annuale, in quanto legata all'obiettivo finale, per passare poi alle unità consecutivamente più piccole del mesociclo e del microciclo settimanale per giungere infine al dimensionamento delle singole sedute di allenamento.

Schematicamente dunque il piano annuale di lavoro sarà formato da:

  • Macrociclo (l'intero anno di allenamento)
  • Mesociclo (i vari mesi di allenamento)
  • Microciclo (le settimane di allenamento)
  • Singola seduta

Il macrociclo potrà essere composto da obiettivi diversi, che potranno essere raggiunti nel medio o nel lungo termine.
Per comprendere meglio quanto analizzato fin ora, passiamo a degli esempi pratici.

Esempio numero 1

Il soggetto A si pone come obiettivo di arrivare da settembre a maggio con un fisico definito e con un aumento della propria massa muscolare di 5 Kg, noi in quel lasso di tempo (obiettivo a lungo termine), dovremmo stabilire tutta una serie di interventi, che nell'arco dell'anno (macrociclo) dovranno inizialmente preparare l'organismo, poi aumentarne la forza, la massa muscolare e solo alla fine disporremo dei mezzi necessari per far raggiungere l'obiettivo finale.

Tutti questi interventi saranno i vari mesocicli di lavoro, a loro volta formati dai vari microcicli e dalle singole sedute di allenamento.
Per far questo dunque è necessario costruire una serie di interventi che avranno degli obiettivi a breve-medio termine (ad es. aumentare la massa muscolare), ma che serviranno tutti insieme al raggiungimento dell'obiettivo finale.

Esempio 2

Il soggetto B si pone come obiettivo di arrivare con un fisico definito e con un aumento della propria massa muscolare di 5 Kg, nel periodo che va da gennaio a marzo.
In questo caso non sarà possibile stabilire tutta una serie di interventi volti al raggiungimento dell'obiettivo finale, perché l'arco temporale determinato di cui disporremo non sarà sufficiente per consentire all'organismo di attuare tutta una serie di adattamenti necessari al raggiungimento dell'obiettivo finale che in questo caso risulterà non realizzabile.

Questi sono solo alcuni esempi riguardanti la periodizzazione dell'allenamento, ma è di fondamentale importanza conoscere i tempi necessari alla realizzazione di un adattamento da parte del nostro organismo (ovviamente in maniera naturale), altrimenti non saremo mai in grado di far ottenere un risultato apprezzabile.

Durante la periodizzazione è di capitale importanza sapere che qualsiasi risultato vogliamo far raggiungere, è necessario strutturare il piano di lavoro, partendo da un condizionamento generale, per passare poi ad un condizionamento specifico e ad una fase di recupero.

I vari mesocicli di allenamento, avranno differenti obiettivi e risultati da raggiungere. In linea generale, i mesocicli di lavoro per chi pratica body building, sono rappresentati da:

  • Mesociclo/i di ricondizionamento
  • Mesociclo/i di preparazione
  • Mesociclo/i di forza
  • Mesociclo/i di ipertrofia
  • Mesociclo/i di definizione

Quella indicata è la sequenza da seguire per raggiungere l'obiettivo finale, che nel body building è la definizione. Ogni mesociclo non potrà mai essere tralasciato, l'unica variazione riguarderà la durata dei vari periodi di lavoro, in base al grado di allenamento del soggetto.