La trazione nel nuoto
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La trazione nel nuoto

La trazione nel nuoto, la corretta posizione della mano in acqua per una migliore propulsione del nuotatore.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Per quel che riguarda la trazione, distinguiamo tre tipologie:

  • Con il braccio a gomito basso, è la meno conveniente e fornisce scarsa propulsione a causa della poca quantità d'acqua che viene spinta dietro
  • Trazione a braccio teso è più vantaggiosa della precedente ma presenta alcuni svantaggi. Nella fase iniziale della bracciata infatti, la forza indirizzata verso il basso è eccessiva, e ciò causa soprattutto l'emersione del corpo piuttosto che un suo avanzamento, nella fase terminale inoltre diviene eccessiva la forza indirizzata verso l'alto, conseguentemente il corpo viene spinto verso il basso e non in avanti
  • La trazione migliore è quella che riesce ad attenuare le spinte verso l'alto e verso il basso, sarà quindi simile alla trazione a braccio teso, ma tenderà a portare il gomito più in alto nella prima fase, fletterà il braccio durante la trazione, e lo renderà quasi teso alla fine.

Posizione della mano

Al fine di una buona propulsione è importante anche la posizione della mano. Sono state prese in esame cinque variabili e, dagli studi condotti, è risultato che la posizione più favorevole sia quella tendente ad avere la mano curvata "leggermente a cucchiaio" e con le dita leggermente divaricate, essendo questa una posizione che riduce sensibilmente la resistenza di risucchio e migliora la propulsione.

È sconveniente avere le dita completamente divaricate perché, al pari del tenerle serrate, implica un notevole sforzo aggiuntivo del nuotatore, che tenderà quindi a stancarlo prima.
Nonostante l'importanza della posizione della mano, bisogna tuttavia tener presente che, un buon istruttore, si soffermerà soprattutto su dettagli macroscopici e non a smussare lievi imperfezioni che, soprattutto negli atleti, tendono ad essere compensate dalla forza e dall'abilità.