Atletica: partenza e accelerazione nelle gare di velocità
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Atletica: partenza e accelerazione nelle gare di velocità

Esame tecnico e funzionale della preparazione alla fase di partenza e accelerazione nelle gare di velocità. Elementi che influenzano la performance atletica, e proposte di lavoro per il miglioramento individuale.

Cerca tra i nostri articoli

Introduzione alle discipline di velocità

Nel fantastico teatro delle gare sportive, antiche o moderne, dagli antichi Greci a oggi, pochi momenti eguagliano quel misto di attesa, emozione, tensione, silenzio, intensità, che precede lo sparo dello starter in una gara di velocità . Atleti acquattati come fiere, i muscoli tesi, il silenzio in cui piomba lo stadio ed in cui sembra di poter udire il solo battito del cuore di

Regolamento tecnico atletica leggera

Il regolamento tecnico internazionale per le gare di atletica leggera, prevede poche ma essenziali norme relative alla partenza dai blocchi. Chiariamo innanzitutto che questi vengono usati solo nelle gare di velocità fino ai 400m , e quindi 100m, 200m, 400m, 110m HS maschili, 100m HS femminili, 400m HS e prime frazioni delle staffette 4x100 e 4x400m. Composizione dei blocchi Il

Tecnica di appoggio ed uscita dai blocchi

Per quanto possa sembrare semplice, in confronto a specialità che richiedono grandi qualità acrobatiche come il salto con l'asta, la partenza dai blocchi é un gesto tecnico molto difficile da eseguire in maniera corretta e soprattutto efficace. La partenza dai blocchi rappresenta il passaggio dalla posizione raccolta a quella eretta, ed é anche il momento in cui l'atleta passa da

Tecnica di appoggio e uscita dai blocchi - seconda parte

Nella prima fase dell'accelerazione, la frequenza prevarrà sull'ampiezza , non perché si debba ricercare la frequenza, ma perchè partendo da fermo l'ampiezza dei passi sarà minore e aumenterà nel "lanciato". Avanzando nel proseguio della gara, ci si sposterà sempre più dalla forza esplosiva da quella elastica come mostra il grafico in figura , ed il

Tecnica di appoggio ed uscita dai blocchi, errori comuni

Tornando alla tecnica, sarà utile conoscere i più comuni errori commessi e le opportune correzioni. Uno degli errori più frequenti nasce prima ancora dell'esecuzione, ossia nel posizionamento errato sui blocchi di partenza . Una errata posizione può manifestarsi nell'eccessivo sbilanciamento in avanti e quindi scarso caricamento sugli arti inferiori ed eccess

Tecnica di appoggio ed uscita dai blocchi, errori comuni - seconda parte

Altri errori ancora possono derivare da posizioni errate della testa (troppo estesa per l'eccessiva contrazione dei muscoli erettori della nuca): questo determinerà quasi certamente innalzamento repentino del busto dopo lo sparo e quindi inefficiente accelerazione. Errato posizionamento delle braccia dietro la linea di partenza (troppo larghe o troppo strette, non estese). Appog

L'evoluzione dell'uscita dai blocchi

In fine una curiosità relativa ad un errore storico proprio riguardo la partenza dai blocchi in una delle prime partenze a quattro appoggi della storia. Su un articolo pubblicato sulla rivista " Atletica Leggera " (nr. 471 dell'agosto 2001), il giornalista Gustavo Pallicca ha riportato il risultato delle indagini storiche compiute dallo statunitense Bill Mallon e l'austriaco Erich

Curiosità storiche

In fine una curiosità relativa ad un errore storico proprio riguardo la partenza dai blocchi in una delle prime partenze a quattro appoggi della storia. Su un articolo pubblicato sulla rivista " Atletica Leggera " (nr. 471 dell'agosto 2001), il giornalista Gustavo Pallicca ha riportato il risultato delle indagini storiche compiute dallo statunitense Bill Ma

Bioenergetica e fisiologia della contrazione muscolare

Il meccanismo energetico utilizzato negli sport di potenza , dove cioè prevalgono quei movimenti rapidi, che esprimono massima potenza in tempi limitati, è il meccanismo anaerobico alattacido . Nelle gare di velocità, tuttavia, è limitativo ridurre a questo unico meccanismo bioenergetico tutte le gare. È infatti il meccanismo anaerobico lattacido che assume rilevanza mag

Bioenergetica e fisiologia della contrazione muscolare - seconda parte

Inizialmente avviene l' idrolisi dell'ATP ad opera dell'enzima ATPasi: ATP + H 2 0 + H -----> ADP + Pi + H + energia La CP viene scissa in C (creatina) e Pi (radicale fosforico che verrà utilizzato per riformare ATP) grazie all'intervento dell'enzima creatinfosfochinasi CKP. ADP + CP -----> ATP + C A questa reazione va ad aggiungersi quella catalizzata dalla mioc

Allenamento della partenza dai blocchi

L'allenamento della partenza dai blocchi e dell'accelerazione comprende una parte puramente tecnica ed un'altra dedicata al miglioramento di quei parametri determinanti affinché una corretta esecuzione tecnica del gesto risulti comunque efficace. Tuttavia si tratta soltanto di una parte dell'allenamento del velocista, in quanto tante altre sono le qualità da allenare, di consegue

Capacità alattacida

Si definisce come capacità alattacida, la " quantità " di energia prodotta dal meccanismo energetico, allenata al fine di migliorare questa quantità e quindi la capacità di mantenere uno sforzo massimale il più a lungo possibile. Come é noto, le contrazioni massimali e rapide, dipendono nel tempo dalla quantità di fosfati energetici (ATP e CP) presenti nei muscoli, che normalment

Potenza alattacida

Con potenza alattacida si intende la " quantità " dell'energia espressa nell'unità di tempo con il meccanismo anaerobico alattacido. È implicita nella stessa definizione di potenza, la rapidità di esecuzione di un gesto che é comunque massimale. Si allena con diversi mezzi e attraverso diverse esercitazioni. 1. Il primo dei mezzi adop

Potenza alattacida - seconda parte

4. Balzi e multibalzi sono esercitazioni generalmente molto utilizzate in atletica leggera, non solo dai velocisti ma anche dai lanciatori e ovviamente dai saltatori. Possono essere effettuati in forma alternata (cioè alternando in sequenza una gamba e poi l'altra come nella corsa ), successiva (sempre sullo stesso arto come ad esempio nei pri

Allenamento della forza nel velocista

L'allenamento della forza è fondamentale per il velocista, in quanto è insita nella capacità dello scattista quella di avere una buona capacità di accelerazione , che non può esistere se gli arti inferiori non hanno sufficiente forza di spinta. Ecco perché nelle fasi della preparazione che precede le gare, almeno il 30-40% dell'allenamento dovr

Allenamento della forza nel velocista - seconda parte

Esempi di allenamento della forza con l'ausilio di sovraccarichi: 4/5 x 6 x 85-90% del max squat - solo per velocisti evoluti nel periodo fondamentale 4/5 x 8/10 x 80-85% 1/2 squat - solo per velocisti evoluti nel periodo fondamentale, speciale e preagonistico 4/5 x 5/6 1/2 squat jump continuo a carico naturale o leggero sovraccarico - solo per velocisti evoluti nel periodo preago

Dallo sviluppo della forza allo sviluppo della velocità

Le esercitazioni finora illustrate, sarebbero di scarso ausilio se non opportunamente "trasformate". È infatti fondamentale utilizzare degli esercizi di raccordo tra lo sviluppo della forza e lo sviluppo della velocità. Con questi esercizi, si cerca di rendere fluidi i movimenti dell'atleta , per evitare che un'abbondante muscolazione in palestr

La velocità nel DNA

Tra le capacità condizionali la velocità é quella più difficilmente migliorabile . Non perché manchino teorie o mezzi di allenamento, ma perchè, a differenza ad esempio della resistenza, molto più influente é il " fattore genetico ". In ciascuna persona, in base al proprio corredo genetico, si possono riscontrare particolari attitudini, intellettuali, artistiche, fisiche, quelle

La velocità nel DNA - seconda parte

Qualità delle fibre muscolari Come la fisiologia ci insegna, esistono vari tipi di fibre muscolari. Ci sono infatti le così dette fibre rosse "lente", o slow twitch così chiamate per il loro alto contenuto di mioglobina, pigmento respiratorio simile all'emoglobina, che conferisce un particolare colorito rosso; esse sono ricche di enzimi ossidativi e mitocondr

La velocità nel DNA - terza parte

La forza Anche la forza rientra nelle doti di un velocista. Pur essendo senz'altro allenabile, non tutti i velocisti ne fanno uno dei loro punti di vantaggio, perché diversi sono i livelli di forza naturali per ogni individuo; rimane comunque un parametro imprescindibile. Allenare la forza massima é essenziale per poi trasformare i carichi in forza

Incidenza della razza negli sport di potenza

Le differenze morfologiche e costituzionali tra le varie razze presenti nel globo, ha indotto gli studiosi e gli osservatori, a rendersi conto dell'effettiva influenza delle stesse negli sport. In particolare, negli sport di potenza e quindi anche nella velocità, la razza nera sembra non avere rivali (da quanti anni non si vede un bianco in una finale olimpica o mondiale dei 100

La concentrazione

Notoriamente sono le gare di mezzo fondo quelle in cui l'approccio tattico può determinare la vittoria o la sconfitta. Altrettanto non si può dire delle gare di velocità, dove non ci sono tatticismi, furbizie o "calcoli"; bisogna partire forte e arrivare forte , senza possibilità di rimediare agli errori. Questo non significa certo, come alcuni ancora credono, che l' aspetto menta

Partenze in curva per i 200 ei 400 metri

Nell'ambito delle partenze nelle gare sulle distanze del mezzo giro e del giro di pista , non esistono differenze ai fini del regolamento, in quanto valgono gli stessi comandi e le stesse regole della partenza dei 100m piani già descritti. Leggermente diverso l'aspetto tecnico, per l'ovvia ragione che, sia nei 200m che nei 400m, la partenza avviene in curva. La prima osservazion

60 metri indoor

Negli ultimi anni hanno acquisito sempre maggior spessore le gare indoor , competizioni dell'atletica leggera non olimpiche, anomale se vogliamo, disputate in inverno in appositi impianti al coperto (indoor appunto). A parte l'ovvia differenza tra l'impianto indoor e quello outdoor riguardante le quattro mura, vi sono importanti differenze soprattutto nelle gare di corsa tra gar