Partenze in curva per i 200 ei 400 metri
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Partenze in curva per i 200 ei 400 metri

Partenze in curva per le gare di atletica leggera che si compiono sul giro e sul mezzo giro di pista.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Nell'ambito delle partenze nelle gare sulle distanze del mezzo giro e del giro di pista, non esistono differenze ai fini del regolamento, in quanto valgono gli stessi comandi e le stesse regole della partenza dei 100m piani già descritti.

Leggermente diverso l'aspetto tecnico, per l'ovvia ragione che, sia nei 200m che nei 400m, la partenza avviene in curva.

La prima osservazione che ogni atleta dovrà aver cura di fare, al fine di non aumentare la distanza da percorrere e poter effettuare una migliore accelerazione possibile, é quella di percorrere quanti più metri in linea retta, ponendo i blocchi di partenza più vicini al bordo esterno della corsia, con la "punta" rivolta verso la linea interna, in modo tale da garantire, come già detto, quanti più metri possibili in rettilineo

Non esistono, dal punto di vista della distribuzione dello sforzo, limitatamente alla partenza e l'accelerazione, evidenti differenze tra le accelerazioni nei 200m e 400m e quella dei 100m.

Non é infatti certamente in questa fase che l'atleta dovrà preoccuparsi di conservare le energie per il proseguio della gara, ma dovrà anzi curarsi di "mettersi in moto" nel miglior modo possibile.
Ne consegue quindi, che uguali saranno i mezzi di allenamento, con un occhio alle differenze tecniche appena esposte.