Periodizzazione Skyrunning: preparazione
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Periodizzazione Skyrunning: preparazione

Periodizzazione Skyrunning: preparazione

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Essendo le gare di Skyrace concentrate nel periodo estivo, nella stesura del piano di allenamento verrà usata la periodizzazione semplice, che può essere così suddivisa in: periodo di preparazione, da dicembre a maggio/giugno (5 – 6 mesi); periodo di gara, da giugno/luglio a ottobre (3 – 4 mesi); periodo di transizione: ottobre – novembre (30 – 45 giorni).

Bisogna precisare che questi periodi possono subire notevoli modificazioni di durata dipendenti dagli obiettivi e dall'efficienza psico – fisica dell'atleta.

Periodo preparatorio

È il periodo che precede quello competitivo e non è solo utile per la preparazione di base ma serve come ponte per il raggiungimento della forma migliore, che verrà esaltata al massimo nel successivo periodo agonistico. Il periodo preparatorio, data la varietà di mezzi e metodi utilizzati, viene suddiviso in due ulteriori tappe: la tappa fondamentale va dedicata quasi esclusivamente alla preparazione generale mentre nella tappa speciale la preparazione sarà indirizzata principalmente al miglioramento del gesto di gara.

Abbiamo già visto che nei diversi periodi dell'anno vengono utilizzati differenti mezzi di allenamento, in modo da migliorare al massimo le proprie performance. Secondo Platonov

i mezzi della preparazione sportiva sono rappresentati dai diversi esercizi fisici che influenzano, direttamente o indirettamente, il miglioramento della maestria sportiva degli atleti. La composizione del bagaglio di tali mezzi si forma tenendo conto delle particolarità dello sport o della disciplina sportiva praticati dall'atleta. I mezzi dell'allenamento sportivo possono essere suddivisi in quattro gruppi:

  • esercizi con carattere di preparazione generale (condizionale): favoriscono lo sviluppo funzionale multilaterale dell'organismo dell'atleta
  • esercizi di carattere ausiliario o semispeciali: prevedono l'esecuzione di azioni motorie che creano la base per il successivo miglioramento in un determinato sport o disciplina sportiva
  • esercizi con carattere di preparazione speciale: comprendono mezzi che includono elementi dell'attività competitiva e azioni che per forma, struttura, carattere delle capacità espresse e attività dei sistemi funzionali dell'organismo sono simili ad essa
  • esercizi di gara: prevedono l'esecuzione di un'insieme di azioni motorie che rappresentano l'oggetto della specializzazione sportiva, nel rispetto del regolamento delle gare.

Nella fase di preparazione generale, che possiamo far coincidere con i mesi da dicembre a marzo, verranno utilizzati metodi di sviluppo generale diretti all'incremento della resistenza di base; per raggiungere questo obiettivo potrò usare esercizi a carattere generale, cioè esercizi anche molto diversi dal gesto tecnico della specialità quali bicicletta (preferibilmente MTB), nuoto, fondo, scialpinismo. Il lavoro quantitativo in questo periodo prevarrà rispetto al lavoro qualitativo che comunque non dovrà mai essere abbandonato.

Nel periodo invernale non bisogna tralasciare qualche seduta (una – due volte a settimana) in palestra con l'utilizzo di sovraccarichi; questo tipo di allenamento deve essere diretto allo sviluppo della forza resistente, quindi utilizzando un numero elevato di ripetizioni (20 e più) oppure lavorando a tempo (es. 1' 30" per esercizio).
Nelle sedute di potenziamento muscolare generale si deve prestare attenzione al rafforzamento delle gambe, ma non solo; è molto utile tonificare la muscolatura del cosiddetto cingolo pelvico, poiché in questa zona si inseriscono i muscoli che favoriscono una buona postura della schiena. Oltre alle gambe si devono quindi rafforzare i muscoli addominali e lombari, i glutei, i muscoli della coscia e dell'anca.

Successivamente, con l'avvicinarsi del periodo competitivo (da aprile a maggio/giugno, che posso definire periodo pre – agonistico), si dovranno utilizzare metodi che sviluppino le capacità speciali di resistenza; durante questo periodo verranno svolti esercizi a carattere speciale, cioè esercizi che rispettino il gesto di gara ma modifichino le caratteristiche spazio temporali della tecnica e riducano o aumentino la velocità rispetto al gesto della gara.
Inoltre, il lavoro di quantità lascerà progressivamente spazio al lavoro qualitativo. Possono anche essere inserite delle gare di controllo, senza però alterare il programma di lavoro che prevede scopi e obiettivi più a lungo termine.