Modello di prestazione nel tennis assoluto - seconda parte
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Modello di prestazione nel tennis assoluto - seconda parte

Fernandez ha rilevato che la frequenza cardiaca e la frequenza ventilatoria sono risultate relativamente stabili nel corso del match ma sono risultate essere sensibili ai cambiamenti di intensità del gioco.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Modello di prestazione nel tennis assoluto - seconda parte

Alcuni studi hanno valutato l'influenza delle superfici sul piano di gioco ( O'Donoghue, and Liddle, 1998) e sulle lesioni generate ( Nigg and Segesser, 1988), ma solo pochi studi hanno analizzato l'effetto di superfici sulle risposte fisiologiche del giocatore. La durata di un incontro di tennis è spesso superiore a un'ora e in alcuni casi dura per 5 ore (Kovacs, 2007; Groppel and Roetert, 1992); la durata di una competizione varia in base al sesso (Donne: 7,1 ± 2,0 s; uomini: 5,2 ± 1,8 s) e in base alla superficie di gioco (green set: ? 6 ± 2s; terra battuta: 7,7 ± 1,7 s; erba: 4,3 ± 1,6 s) ( O'Donoghue and Ingram, 2001). Ferrauti et al. ( Ferrauti et al., 2001), O'Donoghue e Liddle ( O'Donoghue and Liddle, 1998) hanno dimostrato che l'effettivo tempo di gioco,ovvero il tempo durante il quale la palla è veramente in gioco, è, in media significativamente più lungo sulla terra rossa (20-30% della durata media di un match) rispetto alle superfici veloci (10-15%)come hard court ( Kovacs, 2007; Fernandez et al., 2006; Richers, 1995; Bergeron et al., 1991). In uno studio di Paruit-Portes ( Paruit-Portes, 1982), è emerso inoltre che la percentuale del tempo effettivo di gioco influenza significativamente il dispendio energetico dei tennisti. Reilly e Palmer (Reilly and Palmer, 2004) hanno invece hanno dimostrato che maggiore è il tempo effettivo di gioco e maggiore è la distanza percorsa durante una partita di tennis, maggiore è il valore della frequenza cardiaca e la concentrazione di lattato nel sangue, esaminando match di singolare maschile su campi in terra battuta. Inoltre, alcuni Autori ( Murias et al., 2007) e Girard e Millet ( Girard and Millet, 2004) hanno confrontato le caratteristiche tecniche e le risposte fisiologiche degli stessi soggetti che disputavano partite di tennis su diversi superfici. Murias set al., hanno riferito che i valori della frequenza cardiaca media sono stati riscontrati significativamente più alti quando il giocatore disputava match su terra battuta rispetto a quando giocava su superfici più dure e veloci. Ciò è stato riscontrato anche in un ulteriore studio (Martin et al.,2011). Girard e Millet ( Girard and Millet, 2004) hanno rilevato che la concentrazione di lattato rilevata non è stata significativamente differente tra campi in terra e hard court, mentre questo è emerso dagli studi di. Queste discrepanze sono probabilmente il risultato di differenze nelle caratteristiche dei soggetti (numero di soggetti, abilità di gioco, età, altezza e massa corporea). Infatti, nello studio di Girard e Millet ( Girard and Millet, 2004), le partite erano limitate per un tempo totale di 30 minuti. Inoltre, questi autori hanno analizzato solo 1 campione di sangue per ogni giocatore post-exercise prendendo solo le misure dell' attività glicolitica durante gli ultimi momenti della partita. Mentre nello studio di Martin et al. E nello studio di Murias t al., i campioni di sangue sono stati raccolto raccolti ogni 4 giochi di valutare più accuratamente l' evoluzione della concentrazione di lattato durante la partita. I valori più alti di lattato sono stati oltre 8 mmol in 2 giocatori su terra battuta. Questi valori di punta corrispondono a quelli riportati da altri autori ( Fernandez et al., 2006). Si pensa che siano dovuti a una maggiore richiesta al sistema anaerobico ( Reilly and Palmer, 1994) in momenti probabilmente cruciali del match (match point, set point ) ( Fernandez et al., 2006, Smekal, et al., 2001). Fernandez ha rilevato che la frequenza cardiaca e la frequenza ventilatoria sono risultate relativamente stabili nel corso del match,( Fernandez et al., 2006) ma sono risultate essere sensibili ai cambiamenti di intensità del gioco ( Smekal et al., 2001; Christmass, 1993). In un incontro di tennis la frequenza cardiaca media si aggira intorno all' 80- 85% della frequenza cardiaca massima( FC max) (Chirstmass et al., 1998).

Si fa riferimento alle concentrazioni di lattato nel sangue per valutare l'intensità dell'esercizio durante un match di tennis ( Mendez-Villanueva, et al., 2007; Smekal et al., 2003; Smekal et al., 2001; Ferrauti et al., 2001; Christmass et al., 1998; Bergeron et al., 1991 ). E' stato osservato che giocatori di tennis hanno valori medi di lattato nel sangue 1.5-3.0 mmol* L-1 indica che il tasso di energia glicolitico fatturato nel corso di una partita è moderato ( Fernandez et al., 2006), mentre dagli studi effettuati da Mendez- Villanueva et al., 2007; Fernandez. Fernandez et al.,2007; Fernandez et al., 2006; Girard and Millet, 2004; Smekal et al., 2003 ; Ksning et al., 2001 ; Smekal et al., 2001 è emerso che i valori medi di lattato nel sangue sono compresi tra 2- 4 mmol/l . Tuttavia, durante momenti di elevata intensità, le concentrazioni di lattato circolante nel sangue possono aumentare fino a 8 mmol* L-1, che sta ad indicare un aumento temporale dei processi glicolitici ( Mendez-Villanueva, et al., 2007; Fernandez et al., 2006). Inoltre è stato dimostrato in letteratura che le superfici di gioco influenzano le concentrazioni di lattato ( Fig 1).

match
Fig. 1 Valori caratteristici misurati durante match su terra battuta e hard court.

CL = clay; R = resin; MD = durata del match; EPT = tempo effettivo di gioco;

ERT = tempo effettivo di recupero; MDR =durata media di ogni punto; [La]match = mean concentrazione del lattato nel sangue; FC = frequenza cardiaca durante il match. †p , 0.05: differenza significativa tra terra e duro ( Martin et al., 2011).

Le risorse umane e le concentrazioni di lattato non sono state misurate solo per testare l'influenza della superficie di gioco sulle risposte fisiologiche del giocatore ma anche per utilizzare tali valori come indici per valutare gli effetti della fatica sulle prestazioni (Hornery et al., 2007).

A causa delle imprevedibilità del tennis, l'attività ad alta intensità può essere richiesta a più riprese per tutta la partita ( Mendez-Villanueva, et al., 2007, Smekal et al., 2001). La capacità di eseguire esercizi ad alta intensità intermittente durante la una partita di tennis dipenderà dalla capacità del giocatore di resistere alla insorgenza della fatica( Glaister, 2005). Secondo Hornery et al. (Hornery et al., 2007), la fatica può essere definita come un acuto alterazione della prestazione fisica, che alla fine porta l'incapacità di produrre un output massimo di forza o di controllo della funzione motoria. Nel tennis, la stanchezza può essere correlata alla uno sforzo prolungato o ad alta intensità fisica (Hornery et al., 2007). La letteratura mostra che la stanchezza indebolisce l'efficienza del movimento in esecuzione. Infatti, Ferrauti et al. ( Ferrauti et al., 2001) notato che i giocatori che aveva solo beneficiato di 10 secondi di riposo tra prove intermittenti, ad ogni esercitazione risultata sempre più lento rispetto a giocatori che avevano avuto a disposizione un tempo maggiore di riposo e recupero( 15 minuti). Sembra quindi che la stanchezza causata da una durata ridotta del tempo di recupero riduce la velocità di movimento in esecuzione. Da questa serie di confronti effettuati su giocatori impegnati nella pratica del tennis su superfici differenti si è ipotizzato che le partite di tennis giocate su terra battuta sono fisicamente più impegnative di quelle giocate su resina. Di conseguenza, si può ipotizzare che la stanchezza indotta da uno sforzo fisico più intenso può ostacolare lo sprint di prestazione.

Ciò suggerisce la necessità di metodi accurati per il monitoraggio l'intensità di allenamento durante la pratica del tennis. Il monitoraggio del lattato nel sangue durante l'esercizio fisico quotidiano potrebbe essere problematico a causa della impraticabilità della raccolta di più campioni di sangue. In alternativa, la ricerca precedente ha dimostrato un'associazione tra valutazioni di sforzo percepito (RPE) e le concentrazioni di lattato nel sangue durante l'esercizio fisico (Stoudemire et al., 1996; Hetzler et al., 1991,). Ovviamente è considerato conveniente questa differente metodologia che consente di quantificare le risposte fisiologiche durante i giochi sportivi in base al valore di sforzo percepito(Impellizzeri et al., 2004; Foster et al., 2001) . E' stato realizzato uno studio ( Mendez – Villanueva et al., 2010) in cui è stata esaminatala la relazione tra la valutazione di sforzo percepito e la concentrazione di lattato nel sangue e le associazioni di queste risposte con l'attività dei giocatori professionisti di tennis maschile (età, 27,0 ± 4,4 anni, altezza, 182,9 ± 5.2 cm, massa corporea, 80,6 ± 7,5 kg). Di questi giocatori, tre nei top 100 e 4 giocatori tra le posizioni 200 e 500 della classifica ATP.

La valutazione di sforzo percepito è risultata significativamente maggiore (p, 0,05) nei game di servizio (13,5 ± 1,9; n = 24) rispetto ai game di ricezione (12,2 ± 2.0; n = 22). Ciò significa che sangue le concentrazioni di lattato erano significativamente più alti (p, 0.05) nei game di servizio (4,4 ± 2.4 mmol L-1; n = 24) rispetto ai game di ricezione (3.0 ± 1.3 mmol L-1; n = 22) (Mendez-Villanueva et al., 2006). Questo maggior carico fisiologico - percettivo registrato nei game di servizio in quanto il giocatore assume un ruolo più esigente, dettare il gioco (Mendez-Villanueva, et al., 2007; Johnson, and Mchugh, 2006; Reilly and Palmer, 1994). I server, sono in genere sottoposti a uno sforzo fisico superiore a causa dell'elevato numero di manifestazioni di breve durata (il 50% dei punti registrati nel presente studio aveva 1-2 colpi) ( Mendez-Villanueva, et al., 2007).

Coerentemente con questi risultati, Johnson e McHugh ( Johnson, and Mchugh, 2006) hanno rilevato che il servizio è il colpo predominante nel tennis professionistico, rappresenta il 45-60% dei colpi durante il game di servizio. Da tale studio è inoltre emerso che ci sono stati aumenti delle concentrazioni di lattato nel sangue e della valutazione di sforzo percepito in risposta al numero di spostamenti effettuati in ogni punto e alla durata di ogni punto.

Per quanto riguarda i valori di consumo di ossigeno, questi si aggirano tra 23 e 29,9 ml/kg/min, che corrispondono a circa il 50% della VO2Max ( Baiget et al., 2008; Fernandez et al., 2006; Smekal et al., 2003; Ferrauti et al., 2001).

Da un punto di vista fisiologico altri risultati sono emersi da ulteriori studi fatti nel corso degli anni che si discostano leggermente dagli studi sopra riportati. Durante i match, i giocatori di solito svolgono esercizi di intensità media vicino al 70-90% della frequenza cardiaca massima (FCmax) e del 50-60% di massimo consumo di ossigeno (_VO2max) con transitorio aumento (ad esempio, durante il punti di durata maggiore, quindi con maggior numero di colpi e spostamenti) che rappresentano le fasi di maggiore intensità con valori fino al 80% del _VO2max e vicino a 100% di FCmax (Fernandez et al., 2008; Fernandez-Fernandez et al., 2007; Hornery et al., 2007; Smekal et al., 2001).

A lungo termine, a causa degli anni di allenamento e in seguito alla partecipazione a numerose partite di tennis professionistico, i giocatori possono andare incontro a una serie di adattamenti fisiologici e metabolici, quali i cambiamenti nelle dimensioni del cuore, il massimo consumo di ossigeno, inizio della produzione di lattato, frequenza cardiaca, pressione del sangue e regolazione ormonale ( Fernandez et al., 2006; Konig et al.,2001; Christmas set al., 1993) .

Per tutte questa ragioni, gli allenatori di tennisti d'elite hanno bisogno di conoscere le esigenze fisiologiche richieste durante una partita di tennis. Infatti, secondo il principio di specificità della formazione,programmi di formazione devono essere sia fisiologicamente e meccanicamente specifici per le esigenze del tennis ( Chandler, and Chandler, 2003). Ad esempio per affrontare una serie di tornei su superfici più lente risulterà necessario effettuare una programmazione incentrata sullo sviluppo muscolare e la resistenza cardiovascolare. Proporre esercitazioni sul campo (Star, Box, Suicidio, Big X ) che vadano a simulare lo sforzo e gli spostamenti specifici richiesti durante un match (comunemente usati nel' allenamento di resistenza dei giocatori professionisti ( Maeso, 2001). Queste esercitazioni consentono di migliorare l'efficienza e la capacità aerobica ( Fernandez-Fernandez et al., 2009)del giocatore e massimizzare sul campo schemi di movimento come scivolamenti laterali che sono molto comuni su campi di terra battuta (Roetert et al., 2003; O'Donoghue and Ingram,2001 ).

In tal modo, i giocatori possono sviluppare forza e potenza senza concomitante ipertrofia, aumentare la resistenza muscolare locale, riducendo il rischio di lesioni. Naturalmente favorire durante le sessioni di allenamento il rafforzamento dei muscoli della cuffia dei rotatori (Reid and Schneiker, 2007). Fondamentale per un tennista di un determinato livello risulta essere la fase di recupero post allenamento (Bishop et al., 2008). Rilevante importanza viene attribuita a due fattori: la durata del recupero e la nutrizione; una combinazione di questi componenti possono migliorare il recupero ( Mclester et al., 2003; Nachticall et al., 1996). La nutrizione post-allenamento è un importante aiuto che consente all'atleta di recuperare più velocemente le energie perse durante la pratica sportiva. Un ottimale recupero si ottiene con l'apporto di carboidrati in un rapporto di (1.2 g * Kg-1*h-1) e deve essere consumato entro 30 minuti dopo l'allenamento ( Rasmussen and Phillips, 2003). A seconda dell'intensità dell'allenamento, i carboidrati dovrebbero continuare ad essere consumate ogni 30 minuti per le prossime 2-5 ore ( Betts et al., 2005; Van Loon et al., 2000). Una combinazione di proteine e carboidrati è stato dimostrato di stimolare la sintesi proteica dopo gli allenamenti (Rasmussen and Phillips, 2003, Tipton and Wolfe, 2004). Karp et al. (Karp et al., 2004) suggeriscono di cioccolato al latte come un adeguato fonte per il recupero post-allenamento perché ha caratteristiche simili a molti carboidrati.

Inoltre il recupero consente al corpo di recuperare oltre che fisicamente anche mentalmente (Baechle and Earle,2000; Kraemer et al., 2000). I più recenti Gli studi indicano che 48-72 ore di recupero dovrebbe essere sufficiente per consentire il sistema nervoso periferico ( SNP) e sistema centrale (SNC) (Fabiato A and Fabiato, 1978; Mclester et al., 2003; Winnick et al., 2005). Il riposo di tipo attivo a bassa intensità come il ciclismo può aiutare l'eliminazione dell'acido lattico dal tessuto muscolare, consentendo una ripresa più veloce (Corder et al., 2000; Lindinger et al., 1995 ). Dopo la stagione tennistica un periodo di riposo attivo aiuta a ringiovanimento mentale e fisica giocatori ' e recupero ( Charniga et al., 1986) . Durante questo tempo, gli atleti rimanere in forma con metodi alternativi. Esempio attività diriposo attivo comprendono bike, nuoto, ginnastica generale, e yoga.( Fleck and Kraemer, 1997).