Modello di prestazione nel tennis giovanile
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Modello di prestazione nel tennis giovanile

Emerge che le giocatrici under 12 in tutti i parametri analizzati hanno valori superiori ai giocatori under 12. Il tempo di gioco effettivo degli under 12 è del 35% rispetto al 30% nel tennis assoluto.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Modello di prestazione nel tennis giovanile

Pochi studi hanno affrontato le esigenze di prestazione dei giovani tennisti d'elite(12-16 anni) (Roetert et al., 1996). Drammatici cambiamenti negli attributi fisiologici si verificano in genere all'età di circa 12-15 anni, ma c'è un interindividuale variabilità nei tempi di maturazione. Per esempio, nell'età in cui si assiste a una notevole velocità di crescita è possibile notare come tutto ciò influenza i fattori fisici. Tuttavia, non è ancora chiaro come la fase di maturazione influenza l'acquisizione delle specifiche competenze tecniche ( Malina et al., 2005). Pertanto, l'influenza delle abilità fisiche sul giocare a tennis può essere più evidente durante questo tempo di sviluppo a causa di aumento drammatico della forza, e della resistenza (Pratt, 1989).

Come più volte ribadito,in uno sport di situazione come il tennis, gli sprint rapidi, la potenza e la forza muscolare, sono i fattori determinanti della prestazione ( Roetert et al., 1992).E' stato riscontrato che la forza muscolare e la potenza degli arti inferiori consente ai giocatori adolescenti la produzione di movimenti più rapidi in campo(Girard and Millet, 2009) infatti sono state osservate delle correlazioni significative tra i tempi di sprint, i salti verticali e la forza muscolare dell'arto dominante.

In bibliografia sono presenti molti studi riguardanti diverse variabili del tennis d'elite, ma allo stesso tempo c'è modesta attenzione alla descrizione del modello di prestazione nel tennis giovanile: solo recentemente sono state evidenziate le differenze di genere nell'ambito dei giocatori under 16 (Torres-Luque et al., 2011).

La presenza di un numero ridottissimo di studi che descrivono la prestazione tennistica in ambito giovanile condiziona le conoscenze relative alla metodologia di allenamento del giovane tennista.

Di recente è stato svolto uno studio (Sannicandro et al., 2011) volto a descrivere il modello prestativo del tennis giovanile (under 12) con particolare riferimento al tempo totale di gioco, all'effettivo tempo di gioco per ciascun punto, i tempi di recupero tra i punti, game e set.

Tale studio si prefigge altresì di descrivere e quantificare le principali modalità di spostamento e il numero di cambi di direzione per ciascun punto realizzate dal giovane atleta durante la gara.

Tutti i risultati ottenuti da questo studio sono stati sintetizzati in tabella.

Under 12 maschileVariabileUnder 12 femminile
10,97 ± 7,98Tempo medio per punto (sec)12,99 ± 8,61 **
20,77 ± 15,08Tempo medio di recupero tra i punti (sec)24,71 ± 17,04 ***
18,42 ± 2,36Tempo medio effettivo di gioco (min)28,08 ± 3,43 *
35,18 ± 6,11Tempo medio effettivo di pausa (min)52,44 ± 12,30
54,00 ± 8,40Tempo medio totale di gioco (min)80,53 ± 14,29 *
34,74 ± 1,66Tempo medio effettivo di gioco in relazione al tempo totale (%)35,22 ± 5,45
1,7 + 1,9Media cambi direzione per punto1,5 + 1,9
174,1 ± 66,3Media cambi di direzione per gara per singolo atleta198,5 ± 40,7
98,3 ± 29,1Media spostamenti laterali verso destra per gara per singolo atleta140,8 ± 30,7 *
102,7 ± 42,7Media spostamenti laterali verso sinistra per gara per singolo atleta135,8 ± 33,9
36,7 ± 13,5Media azioni di corsa in avanti per gara per singolo atleta45,7 ± 19,7
36,5 ± 22,5Media azioni di corsa indietro per gara per singolo atleta46,5 ± 19,2
10,2 ± 4,1Media di spostamenti in diagonale in avanti verso destra per gara per singolo atleta21,7 ± 11,3 **
10,7 ± 5,8Media di spostamenti in diagonale in avanti verso sinistra per gara per singolo atleta23,2 ± 5,3 **
8,2 ± 3,5Media spostamenti in diagonale indietro verso destra per gara per singolo atleta19,0 ± 5,7 **
9,5 ± 5,1Media spostamenti in diagonale indietro verso sinistra per gara per singolo atleta26,3 ± 11,2 **
303,6 ± 98,5Media spostamenti totali per gara per singolo atleta459 ± 88,2

Tab. 8. Differenze di genere nell'Under 12.

Emerge che le giocatrici under 12 in tutti i parametri analizzati hanno valori superiori ai giocatori under 12, con unica eccezione riferita ai cambi di direzione per punto (1,7 ± 1,9 versus 1,5 ± 1,9). I cambi di direzione negli under 12 sono rispettivamente di 1,7 ± 1,9 per i maschi e 1,5 ± 1,9 per le femmine: molto probabilmente il rilevante divario tra i valori rappresentanti il numero di cambi di direzione è dovuto, oltre che dalla differenza di età, dal tipo di gioco, dal differente livello tecnico e dalla quantità e qualità del training. I risultati ottenuti mostrano che il tennis giovanile under 12 presenta differenze di genere relativamente a durata del tempo totale, la durata di tempo nei punti, in tipologia e quantità di alcuni spostamenti effettuati dalle giocatrici che risultano essere di gran lunga superiore a quelli maschili (tabella 3). Pertanto, alla luce del tempo di gioco significativamente più alto rispetto ai maschi, in considerazione del minor numero di cambi di direzione per singolo punto e rilevato il maggior numero di singoli spostamenti nelle varie direzioni, sembrerebbe che le gare under 12 femminile vengano giocate molto di più da fondocampo con scambi prolungati e continui movimenti in attesa dell'errore dell'avversario. Contrariamente a quello che si poteva attendere, gli under 12 maschili, nonostante tempi di gioco minori, realizzano un maggior numero di cambi di direzione: ciò può essere imputabile alle differenze di genere nella capacità di forza tra maschi e femmine. E' utile a tal fine ricordare come alcuni ricercatori (31Sassi and Morosi, 2011; 34Sheppard and Young, 2006) hanno individuato una serie di fattori che concorrono a determinare l'efficacia nei cambi di direzione, includendo proprio le componenti di forza muscolare.

In età evoluta, con particolare riferimento alla fascia di età considerata gli effetti della sollecitazione della capacità di forza si esprime, più che attraverso una risposta ipertrofica, mediante altri aspetti quali la coordinazione neuromuscolare (intra e inter-muscolare) alla cui base vi sono diversi meccanismi di reclutamento, l'aumento della frequenza di scarica e della sincronizzazione, processi di attivazione di natura nervosa- centrale (Frolich et al., 2009; Semmler and Enoka, 2000; Chilibeck et al., 1998; Moritani, 1992; Sale, 1988; Schmidtbleicher and Buhrle, 1987; Rutherford and Jones, 1986).

Se si considera infatti la pratica tennistica in età evolutiva, essa sottopone il soggetto ad una serie di gestualità realizzate mediante azioni di tipo balistico o esplosivo, determinando un rilevante adattamento in termini di forza ( Tonkonogi , 2008; Faigenbaum et al., 1999; Stahle et al., 1995). Dalla letteratura emerge che lo sviluppo della massa muscolare degli arti superiori nei ragazzi è pari al doppio di quello delle ragazze, mentre negli arti inferiori le ragazze presentano una massa muscolare pari solo al 70% di quella dei coetanei ( Manno, 2009; Blimkie and Sale, 1998). Da quanto emerge in questo studio, nel tennis giovanile under 12 è necessario prevedere differenti modalità organizzative sia nella programmazione annuale che nelle singole sessioni, rispetto a quanto può essere previsto sia nel Top Level che nelle altre categorie giovanili.

Lo studio, inoltre, può condurre ad una specifica programmazione delle sessioni di forza, soprattutto in relazione alle differenze di genere del tennista under 12, i cui carichi di training, sia tecnico che fisico, oggi, in età prepuberale vengono ancora indifferentemente destinati ai maschi cosi come alle femmine. Il tempo di gioco effettivo degli under 12 è del 35% rispetto al 30% nel tennis assoluto. L'analisi del rapporto tra il tempo medio di gioco (35%) e il tempo medio di pausa (65%) è sostanzialmente simile nei due generi.

Per quanto riguarda l'under 16 maschile e femminile, nella tabella 2 sono stati riportati tutti i valori emersi dallo studio di Torres-Luque et al.(2011).

tabella

Sono inoltre stati effettuati studi sulle giocatrici under 18; il tempo medio per punto è risultato essere di 8,20 ± 5,2 sec; il tempo medio di recupero tra i punti è invece risultato inferiore alle giocatrici under 12 infatti è pari a 17,72 ± 6,5 sec; è inoltre emerso che il tempo medio di gioco effettivo nelle giocatrici under 18 è di 21,95 ± 3,8 % . Infine il tempo totale di gioco risulta essere abbastanza simile al tempo totale di gioco dell'under 12. Nell'under 18 femminile si è notato che vengono effettuati mediamente 2,35 ± 1,4 cambi di direzione per punto (Smekal et al., 2001)