Clavicola: anatomia e funzione
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Clavicola: anatomia e funzione

Anatomia della clavicola, analisi della faccia superiore e inferiore, del margine anteriore e posteriore. Funzione della clavicola

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Clavicola: anatomia e funzione

È un osso a forma di S italica che si estende trasversalmente, al davanti della prima costa, dal manubrio dello sterno all'acromion della scapola. Essa è formata da un corpo e da due estremità di cui quella mediale è detta sternale e quella laterale è detta acromiale.

Il corpo forma una doppia curva con una convessità anteriore, volta medialmente, e una concavità posteriore, volta lateralmente. La parte mediale del corpo ha forma prismatica triangolare, mentre quella laterale è appiattita. Nel complesso, si considerano nel corpo una faccia superiore, una inferiore e due margini, anteriore e posteriore.

Faccia superiore

La faccia superiore, rugosa lateralmente, dà attacco ai muscoli trapezio e deltoide; medialmente, dove si fa più liscia, dà origine al capo clavicolare del muscolo sternocleidomastoideo.

Faccia inferiore

La faccia inferiore presenta lateralmente la tuberosità coracoidea dove si impianta il legamento coraco-clavicolare; a questa tuberosità fa seguito il solco del muscolo succlavio, medialmente al quale si trova l'inserzione del legamento costo-clavicolare, la tuberosità costale.

Margine anteriore

Il margine anteriore, arrotondato medialmente, dà origine ai fasci del muscolo grande pettorale, mentre lateralmente, dove si fa più sottile, dà attacco al deltoideo.

Margine posteriore

Il margine posteriore è sede di inserzione, medialmente, per il fascio clavicolare del muscolo sternocleidomastoideo e per il muscolo trapezio, lateralmente.

L'estremità acromiale è appiattita e sulla parte terminale, che volge in dietro, presenta una faccetta articolare acromiale per l'articolazione acromioclavicolare. L'estremità sternale, situata medialmente alla tuberosità costale, termina con una faccetta articolare sternale che si mette in giunzione con lo sterno; questa estremità dà origine a fasci del muscolo sternoioideo.

Dal punto di vista funzionale, la clavicola agisce come base di impianto dei muscoli, mentre la sua funzione di supporto è meno importante: la perdita improvvisa in età adulta ha comunque un effetto devastante sulla funzionalità della spalla. Importanti rapporti della clavicola sono quelli con la vena e l'arteria succlavia, e posteriormente con il plesso brachiale.