L'apparato osteo-muscolare, le emozioni, la postura
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

L'apparato osteo-muscolare, le emozioni, la postura

La postura è una risposta tonica delle emozioni, le stesse, interessando il Sistema Nervoso e di conseguenza il cervello, attuano una modificazione a livello muscolare, in parole povere della postura

Autore:
Ultimo aggiornamento:

L'apparato osteo-muscolare, le emozioni, la postura

Il nostro corpo è formato da un apparato muscolo-scheletrico, da un apparato cardio-circolatorio e da un "apparato emozionale", perciò psicologico.
Dividere corpo e mente, biomeccanica e psicologia vuol dire non considerare l'interazione che avviene tra di essi.

Sappiamo che la mente può influenzare il corpo ma anche il corpo può influenzare la mente, da ciò si deduce che non ci troviamo di fronte ad un canale unidirezionale, ma ad un continuo scambio di informazioni.

Essendo il corpo fatto di "emozioni", possiamo ipotizzare che i segnali provenienti dall'esterno siano estensibili ad un processo tonico operante nei muscoli.Questo spiegherebbe la costituzione di una immagine corporea, una immagine mentale che ci raffigura internamente.

Questa rappresentazione della nostra immagine è operata dal Sistema Nervoso Centrale, le cui aree sono associabili con le "aree di associazione del lobo parietale" del cervello.
L'immagine tende a cambiare e a mutare nelle diverse situazioni emozionali che affrontiamo quotidianamente.
Nella costruzione di questo schema corporeo potremmo immaginare che si integrino tutte le informazioni somato-sensoriali, visive, acustiche, gustative olfattive, viscerali, ecc...

Le informazioni producono degli schemi che determinano a loro volta dei cambiamenti nella tonicità muscolare.
Le informazioni di ritorno modificano ulteriormente lo schema già presente nel nostro Sistema Nervoso e di conseguenza nel cervello.Per fare un esempio immaginiamo che al mattino si abbiano delle esperienze piacevoli, gratificanti, il nostro schema corporeo, o meglio la nostra immagine corporea sarà proiettata ad un atteggiamento di serenità, di sicurezza e di autostima.
La postura indotta dalla tonicità muscolare del momento sarà con le spalle aperte, un portamento dritto e lo sguardo posto in avanti.

Poniamo il caso che nel pomeriggio, subentri una esperienza del tutto opposta, angosciante e demoralizzante.
Ci troveremmo di fronte ad una o più situazioni che potrebbero minare la nostra autostima rendendoci nervosi ed insicuri.
L'atteggiamento posturale prenderà una posizione opposta a quella della mattina, perché il nostro schema corporeo si modificherà in un atteggiamento più remissivo, con il capo clino e le spalle chiuse.

Si deduce che l'immagine corporea si modifica in base alle emozioni/situazioni contingenti alle esperienze di vita che si presentano.

Questi atteggiamenti corporei non sono del tutto coscienti, sono insiti nella nostra concezione di immagine corporea, immagine costruita con il passare del tempo e delle esperienze.

Esperienze che iniziano a formarsi sin da bambini, infatti ogni bambino assume istintivamente la postura a seconda della situazione in cui venga a trovarsi.

In conclusione, la postura è strettamente correlata con le emozioni che quotidianamente viviamo, prenderne coscienza attraverso l'attività motoria aiuta a confrontarsi con se stessi e ad affrontarle nella maniera più serena.

Bibliografia

  1. Lowen A."Bioenergetica" Universale Economica Saggi 2004
  2. Lowen A."Il linguaggio del corpo", Feltrinelli, Milano 2003
  3. Reich W., Analisi del carattere, Milano, SugarCO, 1994
  4. Ruggeri V "Mente Corpo Malattia" ed.Il Pensiero Scientifico Editore V^ristampa 2004

€ 0.00 0 prodotti
AREA RISERVATA