Fitness per la terza et
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

Fitness per la terza età

Qual è la migliore attività fisica nella terza età? E quali sono i benefici del fitness in adulti e anziani?

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Fitness per la terza età

Coniugare il Fitness con la terza età potrebbe sembrare una forzatura, mentre è una pratica che comporta notevoli benefici sia sotto l'aspetto fisico che psicologico.
Questo periodo della vita comporta modificazioni biologiche, morfologiche e psicologiche che si ripercuotono nella vita quotidiana delle persone, compromettendone l'autonomia sia dal punto di vista motorio che psicologico.
L'attività motoria deve necessariamente puntare a stimolare degli adattamenti positivi di natura biologica, così da rallentarne il naturale processo d'invecchiamento attraverso il miglioramento delle funzioni vitali come: la funzione respiratoria, la funzione cardiocircolatoria e la funzionalità dell'apparato osteomuscolare.

Stimolare un'adeguata attività motoria comporterà degli adattamenti positivi verso l'autonomia e l'indipendenza, abbandonando così la sedentarietà. Attraverso il movimento l'anziano riprenderà coscienza del proprio corpo e la fiducia in se stesso, ritrovando così la sua indipendenza e il piacere di socializzare.

Ma quali sono i reali benefici di un'attività motoria mirata alla terza età?

In primis porrei i miglioramenti all'apparato muscolo-scheletrico con l'acquisizione di una corretta postura, la quale porterà ad una migliore mobilità articolare e alla tonicità delle masse muscolari.
Per l'aspetto endocrino metabolico, attraverso l'aumento della massa magra e la relativa diminuzione della massa grassa, si avrà una corretta regolazione del controllo diencefalico sull'appetito e, non meno importante, la regolazione dell'assetto glico-lipidico.
L'apparato cardio-circolatorio ne beneficerà attraverso un incremento della potenza aerobica, la pressione arteriosa ritroverà un corretto equilibrio quindi un miglioramento della irrorazione periferica (capillarizzazione).
Dal punto vista psicologico l'attività fisica comporterà un buon controllo emotivo, una migliore adattabilità all'ambiente, un aumento dell'autostima e la possibilità di socializzare.
In questo contesto l'attività motoria diviene un tassello fondamentale per la costruzione di un corretto stile di vita. Essa deve essere integrata con proposte che prendono in considerazione il partecipante nella sua poliedrica diversità, così da attuare un intervento mirato ad instaurare un cambiamento positivo verso la presa in carico della cura di sé.

Di seguito prendiamo in considerazione tre diverse tipologie di allenamento:

Allenamento aerobico

Sicuramente le attività di tipo aerobico sono le più indicate nel ritardare il processo d'invecchiamento precludendo così la possibilità della comparsa di patologie invalidanti tipiche dell'età avanzata.
Per allenamento aerobico è utile prendere in considerazione delle lunghe passeggiate nel parco all'aria aperta, passeggiate in bicicletta, andare a fare la spesa a piedi, salire e scendere le scale.

Allenamento mirato alla forza

Un allenamento mirato alla forza, tra le altre cose, permette alla persona di intervenire sia sulla demineralizzazione ossea (causadell'osteoporosi), che sul metabolismo degli zuccheri.
Esercizi mirati con piccoli carichi (pesi), permette di aumentare la densità ossea e quella muscolare. Questo allenamento dovrebbe essere svolto almeno per due/tre volte alla settimana, ancora meglio se si potesse integrare con delle passeggiate o delle sedute sulla cyclette.

Allenamento aerobico a bassa intensità

Le attività aerobiche a bassa intensità producono un innalzamento della resistenza aerobica, con miglioramenti che si evidenziano sia nei casi dell'ipertensione arteriosa che in direzione dell'assetto glico-lipidico, scongiurando l'insorgenza di possibili patologie come l'iperglicemia, l'ipercolesterolemia e aterosclerosi.
Gli adattamenti cardio-vascolari sono di valido aiuto per il controllo di lieve e media ipertensione. Sicuramente è l'attività meno noiosa in quanto si svolge in gruppo in sale adeguatamente attrezzate con personale qualificato.

Unire le tre attività (ginnastica dolce, Pilates e posturale) in tre giorni diversi è la migliore soluzione, in quanto fornisce un quadro completo per un'attività aerobica a bassa intensità.

In conclusione vorrei rammentare che è indispensabile, prima di intraprendere qualsiasi attività fisica, sottoporsi a controllo medico, solo il medico ha le competenze per consigliare e/o suggerire l'attività fisica più adeguata alla nostra persona.

€ 0.00 0 prodotti
AREA RISERVATA