La personalità e i meccanismi di difesa - terza parte
NonSoloFitness: divulgazione, formazione, consulenza
Corsi di formazione Corsi di formazione per Personal Trainer, Istruttori Fitness
06 40403925

La personalità e i meccanismi di difesa - terza parte

Grafologia: la personalità e i meccanismi di difesa. La teoria delle pulsioni: tendenze lipidiche e aggressive.

Autore:
Ultimo aggiornamento:

Freud fu anche il sostenitore della teoria pulsionale, sostenendo che in ogni individuo coabitano principalmente due pulsioni con finalità esattamente opposta: pulsione di vita e pulsione di morte. Eros e Thanatos, l'istinto di vita e l'istinto di morte, le due pulsioni che regolano le azioni dell'uomo indirizzandone la motivazione inconscia. Attraverso l'esame dell'utilizzo di queste pulsioni è possibile comprendere se gli atti di un individuo hanno finalità costruttiva o distruttiva. Le scelte che compiamo hanno dunque due possibili strade: utilizzare le energie di costruzione oppure di distruzione per risolvere le situazioni della vita. Freud osservò che spesso nella vita di un individuo si verifica un processo chiamato "coazione a ripetere" determinate esperienze del passato. Molto spesso sentiamo persone che dicono: "Ecco alla fine faccio sempre gli stessi errori, alla fine incontro sempre persone violente, persone che non mi capiscono, alla fine ne faccio sempre le spese e divento vittima, alla fine la sfortuna e la malasorte mi perseguitano ecc..".

Un esempio semplice: poniamo il caso un bambino impara che non deve discutere con l'autorità e manifestare se stesso altrimenti il pegno che paga è sofferenza, in tal modo installa una modalità di comportamento basata sull'accaparrarsi con la gentilezza e l'ammanieramento chi teme, evitando il conflitto. Questo ripetere nell'età adulta comportamenti simili a ciò che è stato, dimostrano questa profonda tesi. Tutti noi viviamo e registriamo delle esperienze di vita che si installano dentro di noi e che si ripetono: cambiano situazioni, personaggi, scenari, ma il significato di base è lo stesso, proprio come se ripetessimo un copione teatrale. Cito molto volentieri che lo psicologo Eric Berne ha approfondito questa tematica ed ha dato vita alla meravigliosa Analisi Transazionale. Solamente rivisitando i ricordi legati al "là ed allora" possiamo comprendere il perché di ciò che facciamo nel " qui ed ora". Sintetizziamo dicendo che ci sono due pulsioni o tendenze libidiche e aggressive:

LIBIDO: energia vitale di carattere positivo, costruttivo e di ricerca del piacere, della gioia. Un tipico esempio è colui che dinnanzi alle difficoltà è ottimista e propositivo, che reagisce con una profonda motivazione portata alla risoluzione con esito piacevole, basato sul piacere. Attraverso l'energia positiva possiamo affrontare con un sorriso e con positività una situazione difficile.

AGGRESSIVITA': energia vitale a carattere distruttivo tendente all'allontanamento, alla fuga,alla fine e alla cattiva risoluzione delle situazioni. È un'energia che se male utilizzata porta autodistruzione, fallimento, stati di scontento e depressione, infelicità, tensione. Nell'aspetto positivo porta forza di carattere ed autoaffermazione, carico e scarico energetico volto a determinarsi, volontà produttiva e capacità di reagire e difendersi. Nei casi meno fortunati indica aggressività distruttiva, sono coloro ad esempio che dinnanzi ad una novità che temono perché si sentono inadeguati o insicuri fanno in modo che le cose vadano male o pongono sempre problemi e ma. Persone che stanno sulla difensiva e che nel loro inconscio fanno in modo che gli eventi si mantengano poco produttivi se non peggiori.

Poniamo un esempio per comprendere: una medesima situazione vissuta con le due modalità differenti d'impiego d'energia. Immaginiamo che su un posto di lavoro si debbano iniziare nuovi progetti che richiedono una maggiore partecipazione e responsabilità e che l'impiegato sia insicuro fondamentalmente di se stesso. Egli potrà affrontare le novità e le difficoltà con positività facendo appello alle proprie risorse e alla creatività, utilizzando una energia produttiva e positiva, oppure portare avanti gli impegni sentendosi sempre inadeguato e inconsapevolmente facendo fallire le nuove proposte cosi da mantenersi nel conosciuto. Possiamo scegliere sempre con quale energia fare le nostre scelte e come portarle avanti : ricordiamo che entrambe le energie sono importanti l'una per amare ciò che si fa e l'altra per difendersi.